La Pro Patria si è dimostrata davvero un osso duro e lo 0 a 0 finale suona addirittura come punto guadagnato.

Pro Vercelli: sfumata la quinta vittoria consecutiva

PRO VERCELLI 0 – PRO PATRIA 0

PRO VERCELLI (3-4-1-2): Nobile, Berra, Tedeschi, Crescenzi, Azzi (st 32′ M. Gatto), Emmanuello (st 20′ L. Gatto), Bellemo, Mammarella, Mal (st 40′ Comi), Morra, Gerbi (st 20′ Schiavon). A disp.: Moschin, Sangiorgi, Milesi, Rosso, Grillo, Volpe, Iezzi, Foglia. All.: Grieco. PRO PATRIA (3-5-2): Tornaghi, Molnar, Zaro, Lombardoni, Mora, Colombo, Bertoni (st 16′ Fietta), Pedone (st 26′ Galli), Sané, Mastroianni (st 43′ Gucci), Le Noci (st 43′ Santana). A disp.: Mangano, Battistini, Parker, Di Sabato, Gazo, Boffelli, Ghioldi, Cottarelli. All.: Javorcic. ARBITRO: Meraviglia di Pistoia. Guardalinee: Garzelli di Livorno e Buonocore di Marsala. ESPULSI: st 49′ Nobile (PV) per aver toccato il pallone con le mani fuori area. AMMONITI: Crescenzi (PV), Bertoni (PP). NOTE: Angoli: 11-2. Recupero: pt 0′, st 5′. Spettatori totali: 1524.

Forte rammarico in casa Pro Vercelli per aver visto sfumare la quinta vittoria consecutiva. La Pro Patria si è dimostrata davvero un osso duro e lo 0 a 0 finale suona addirittura come punto guadagnato. La gara la conducono principalmente le bianche casacche che trovano con Azzi, dopo 7 giri di lancette la rete del vantaggio. Bravo l’assistente a vedere la posizione di off-side del laterale brasiliano. Lo stesso signor Garzelli, però, poi non ravvisa qualche minuto dopo il fallo di mano di Lomabrdoni nel tentativo di anticipare Morra. Match prevalentemente giocato a centrocampo nella fase centrale della sfida, com un’ultima grande occasione nel recupero per Comi, che vai in sforbiciata ma Tornaghi compie un miracolo. C’è tempo anche per l’espulsione di Nobile per aver toccato il pallone fuori dall’area con le mani. In porta va Comi, che si fa subito notare con due uscite. Ora l’Entella con l’esordio di Moschin in campionato tra i pali per il primo atto di quello che sarà lo spareggio per la promozione diretta in Serie B.

Leggi anche:  Scherma: esce di scena Federica Isola

Fabio Marzola