Cromoterapia fai da te sulle pareti di casa, niente di più facile. L’uomo ha un rapporto con i colori che dura fin dalla notte dei tempi. Basti pensare che già nella preistoria esisteva l’abitudine di decorare le pareti delle grotte e delle caverne abitate dai primitivi. Questo ci permette di sostenere che l’utilizzo dei colori sia antichissimo e che fin dalle origini si pratichi una sorta di cromoterapia. Quest’ultima si basa sul principio che siano proprio i colori, così come vengono percepiti dal nostro cervello, ad avere influenza sui nostri pensieri e sul nostro modo di fare. Detto questo, i consigli degli esperti sono quelli di abolire le pareti bianche: dunque tutti quanti dovremmo preoccuparci di rinnovare la tinteggiatura di casa. Non mancano infine studiosi che si siano cimentati con i colori e le loro caratteristiche sul sistema nervoso del genere umano.

Cromoterapia e lo spettro dei colori

Alcuni studiosi hanno tentato di suddividere tutto lo spettro dei colori in un’apposita tabella: l’obiettivo è quello di verificare quali sono le loro proprietà su di noi. Colori freddi. Blu: rappresenta il silenzio, la pace, ed è quindi particolarmente consigliato per la camera da letto. Verde: aiuta la concentrazione ed è infatti impiegato spesso negli studi. Colori caldi. Giallo: è un colore elettrizzante, adatto per ambienti adiacenti a spazi aperti, come terrazzi o giardini. Arancione: antidepressivo, è consigliato per le camere dei bambini e per la sala da pranzo. Rosso: per il suo effetto rivitalizzante si presta ad ambienti giorno e stanze giochi.

Leggi anche:  Disturbi del cavo orale, come prevenirli?

Una possibilità fai da te

Quindi, basta seguire con grande attenzione questi pochi precetti per essere certi di aver decorato la propria abitazione nel modo più bello e originale. Insomma, se siete appassionati del “Fai da te”, avete a disposizione mille e un’alternativa per abbellire i locali che abitate. E sono anche economiche….