“Prima gli italiani”: Polemica a Cigliano sui profughi. Diego Marchetti critica le manovre del Comune per ospitare altri profughi dopo la chiusura del Cas.

“Prima gli italiani”: Polemica a Cigliano sui profughi

Nella foto il candidato sindaco di Cigliano Diego Marchetti.

“Prima gli italiani, poi i profughi”. E’ questa la frase che pronuncia il candidato a sindaco di Cigliano Diego Marchetti a proposito della chiusura del Cas e delle iniziative del Comune per ospitare con lo Sprar. Lo riporta nuovaperiferia.it.

“Pensate ai ciglianesi indigenti”

“La memoria di Rigazio è corta quando dice che i presunti profughi non hanno mai causato problemi. Ne è proprio sicura? Perché anziché pensare alle “Basi per una vera integrazione” pagando un appartamento, vitto e alloggio a queste persone non pensa ad i nostri concittadini indigenti? Ed ancora perché dobbiamo far nuovamente intervenire una cooperativa nella gestione? Se non si è in grado di farlo autonomamente allora non lo si fa”.

Il Cas era stato chiuso il 30 agosto scorso perché struttura inadeguata ma la polemica sul tema continua. Il resto della vicenda su nuovaperiferia.it

Leggi anche:  Spazi finanziari: la Regione libera 645.000 euro per Trino

VAI ALLA HOME PAGE PER LEGGERE LE ALTRE NOTIZIE