Potere al Popolo assemblea a Pray del nuovo movimento politico giovedì 28 dicembre.

Potere al Popolo si presenta

Si rivolgono anche ai territori del Nord Ovest, Vercellese compreso, i fondatori di un nuovo movimento politico nazionale “Potere al Popolo!”.

Uno slogan che ricorda chiaramente quelli della sinistra comunista di un tempo. Non mancano anche altri chiari riferimenti come la stella rossa. Si qualificano come cittadini che hanno deciso di non delegare a un partito il loro voto, ma di candidarsi in prima persona. In tal senso cercheranno di raccogliere le firme per presentarsi alle Politiche dl prossimo mese di marzo.

Chi è interessato a saperne di più potrà farlo recandosi, giovedì 28 dicembre, ore 20,30, al bar Centrale di Pray per l’assemblea di Potere al Popolo Nordovest che raggruppa i territori di Biella, Novara, Valsesia, Vercelli e VCO.

Chi sono e cosa vogliono

Ecco come si presentano nel loro comunicato: “Siamo le giovani e i giovani che lavorano a nero, precari, per 800 euro al mese perché ne hanno bisogno, che spesso emigrano per trovare di meglio. Siamo lavoratori e lavoratrici sottoposte ogni giorno a ricatti sempre più pesanti e offensivi per la nostra dignità. Siamo disoccupate, cassaintegrate, esodati. Siamo i pensionati che campano con poco anche se hanno faticato una vita e ora non vedono prospettive per i loro figli. Siamo le donne che lottano contro la violenza maschilie, il patriarcato, le disparità di salario a parità di lavoro. Siamo le persone LGBT discriminate sul lavoro e dalle istituzioni. Siamo pendolari, abitanti delle periferie che lottano con il trasporto pubblico inefficiente e la mancanza di servizi. I malati che aspettano mesi per una visita nella sanità pubblica, perché quella privata non possono permettersela. Gli studenti con le scuole a pezzi a cui questo paese nega un futuro. Siamo le lavoratrici e i lavoratori che producono la ricchezza del paese.

Leggi anche:  Fondi strade: "La Regione ha perso solo tempo"

Ma siamo anche quelli che non cedono alla disperazione e alla rassegnazione, che non sopportano di vivere in un’Italia sempre più incattivita, triste, impoverita e ingiusta. Ci impegniamo ogni giorno, organizzandoci in comitati, associazioni, centri sociali, partiti e sindacati, nei quartieri, nelle piazze o sui posti di lavoro, per contrastare la disumanità dei nostri tempi, il cinismo del profitto e della rendita, le discriminazioni di ogni tipo, lo svuotamento della democrazia.

Per questo e molto altro abbiamo deciso di accettare la sfida , abbiamo aspettato troppo…….ora ci candidiamo noi”.

Il movimento si può anche trovare su Facebook.