Insulti via Facebook: Candeli querela. Aveva invitato gli amici a non guardare la Tv durante il discorso di Mattarella, alcuni commenti hanno oltrepassato il lecito.

Insulti via Facebook: Candeli querela

La consigliera comunale Margherita Candeli ha invitato sul suo profilo Facebook a spegnere le Tv per non seguire il discorso del capo dello Stato. Le reazioni non si sono fatte attendere ed alcuni commenti sono andati ben oltre il lecito, tanto che Candeli ha sporto querela per i toni di taluni commenti apparsi.

Ampia solidarietà è stata espressa alla consigliera, che da parte sua è andata dai Carabinieri a sporgere denuncia.

La nota di Locarni

Come riferisce il segretario cittadino della Lega Gian Carlo Locarni in una nota inviata ai giornali, “Diverse volte la parte politica che dovrebbe avere il ruolo di opposizione costruttiva si è posta da maestra nei nostri confronti, per esempio raccomandando di usare i social con cognizione e di rispettare il pensiero altrui senza rischiare di incorrere nell’errore di porre qualcuno al centro della gogna mediatica.

Leggi anche:  Mercato Santhià: la replica di Beccaro

Ebbene, pare che a oggi gli insegnamenti non siano stati né compresi né tantomeno messi in pratica dagli stessi. Un post del consigliere Candeli, infatti, é stato fatto oggetto di una discussione talmente “edificante” da generare insulti ed esternazioni di puro degrado contro chi è anche un rappresentante dei cittadini. Ancora una volta si è lasciato che il rispetto non abitasse il dibattito politico, finendo per inveire contro una donna che riporta semplicemente ciò in cui crede.

“In data odierna ho presentato presso la caserma dei carabinieri di Vercelli querela verso coloro che su Facebook ieri hanno utilizzato frasi poco consone nei miei confronti”, così Candeli.

A noi tutti rimane la speranza che l’anno appena iniziato continui su una strada diversa, fatta di idee e pensieri che dibattono tra loro senza perdersi ma sempre rispettosi dell’altro”.

VAI ALLA HOME PAGE E LEGGI LE ALTRE NOTIZIE