I gruppi di minoranza su Aprc: “Scorretto firmare senza passare dal Consiglio”. Chiesta nuovamente la convocazione straordinaria dell’assemblea comunale.

I gruppi di minoranza su Aprc: “Scorretto firmare senza passare dal Consiglio”

Per i consiglieri di minoranza dei vari gruppi la questione “Aprc” non è chiusa con la firma del “preliminare” per la cessione da parte del Comune dei residui terreni nell’area industriale all’azienda francese ad un prezzo da molti giudicato scandaloso. Peraltro in spregio alla richiesta di convocazione di un Consiglio Comunale Straordinario per dibattere sulla questione, non concesso. E la stima di 1.500 nuovi posti di lavoro, grazie alle attività che Aprc farebbe insediare, viene liquidata come una balla elettorale.

Ora è stata richiesta nuovamente la convocazione straordinaria del Consiglio Comunale e verrà interessata la Procura della Corte dei Conti perché valuti la liceità di un’operazione che ha tanti punti oscuri.

Il testo delle opposizioni

“Dopo l’ennesimo sgarbo istituzionale e politico riservato dalla maggioranza Forte all’opposizione e ad una parte della maggioranza stessa, che avevano chiesto di fermare la firma del preliminare con la holding francese Apcr, per approfondire la questione, e che non sono state ascoltate (il preliminare è stato firmato lo stesso), i consiglieri comunali che vogliono davvero il bene di Vercelli, d’intesa con alcuni esponenti politici dei partiti di riferimento, hanno deciso di chiedere una nuova convocazione straordinaria del Consiglio comunale.

Se infatti la giunta ha impedito, di fatto, una discussione fondamentale del tanto contestato documento, adesso l’opposizione e una parte della stessa maggioranza protocolleranno domattina un’altra richiesta di Consiglio straordinario (con le firme indispensabili per poterlo fare) chiedendo stavolta con una nuova mozione una “Relazione urgente del sindaco ed espressione di parere di indirizzo del Consiglio su approvazione contratto preliminare di compravendita di area edificabile in Comune di Vercelli da parte di Apcr”.

I gruppi e le rappresentanze politiche di Lega Nord (Alessandro Stecco) Movimento 5 Stelle (Michelangelo Catricalà) Forza Italia (Antonio Prencipe e Massimo Materi) SiAmo Vercelli (Gian Luca Zanoni) Vercelli Amica (Maurizio Randazzo ed Enrico De Maria), Fratelli d’Italia (Stefano Pasquino) e il consigliere indipendente Paolo Campominosi vogliono infatti che la questione sia trattata pubblicamente in aula consiliare, respingendo il goffo tentativo pre-elettorale della giunta che sta cercando di spacciare alla popolazione una cosa non vera: e cioè che il preliminare firmato ieri con Apcr porterà a nuovi 1500 posti di lavoro. Questa è una patacca pre-elettorale. Lo dimostreremo in aula, chiedendo anche che della questione si occupino la Prefettura e la procura della Corte dei Conti. Assolutamente ambiguo e rischioso oltre misura, soprattutto, l’assenso dato da Apcr di cedere ad altre società il contratto con il Comune.

Dunque sbaglia chi, in conferenza stampa, sogghignava, pensando che l’opposizione si fosse facilmente arresa alla protervia di una maggioranza che pensa di decidere senza il consenso dei rappresentanti dell’intera città, cui spetta il compito di vigilare sulle scelte di chi amministra”.

Lega Nord, Movimento 5 Stelle, Forza Italia, SiAmo Vercelli, Vercelli Amica, Fratelli d’Italia e Gruppo Indipendenti

Leggi anche:  Nuovo Segretario Comunale a Pertengo

VAI ALLA HOME PAGE E LEGGI LE ALTRE NOTIZIE