Fallimento Ifi: Chiorino critica i sindacati. “Massimo impegno per i lavoratori, ma non si doveva chiedere il licenziamento collettivo”

Fallimento Ifi: Chiorino critica i sindacati

L’assessore al Lavoro della Regione Piemonte, Elena Chiorinoin seguito all’intervento a Santhià per la crisi dell’Ifi ha diffuso una nota in cui, nel garantire il massimo impegno a favore dei lavoratori, critica anche i sindacati.

«La Regione – ha assicurato l’assessore Chiorino – è e sarà sempre al fianco dei lavoratori e metterà in campo tutte le azioni possibili per salvare l’azienda e i lavoratori. Il primo passo sarà la richiesta di un tavolo di crisi al Ministero per lo Sviluppo economico, colpevolmente non convocato sino ad ora, nonostante i sindacati abbiano asserito di aver fatto specifiche richieste in tal senso. Accompagneremo i lavoratori nella procedura per l’erogazione della Naspi».

“Non condivido la scelta dei licenziamenti collettivi”

L’assessore regionale al Lavoro ha però sottolineato che c’è stata «una decisione affrettata da parte dei sindacati che hanno concordato la procedura di licenziamento collettivo dei lavoratori, di fatto impedendo possibilità di ulteriori interventi della Regione in loro favore. Una scelta di cui siamo stati informati solo in un secondo momento e che non abbiamo condiviso. Adesso  il danno è purtroppo fatto e dobbiamo intervenire con gli spazi di manovra che ci sono consentiti. Di certo non abbasseremo la guardia e terremo i lavoratori informati delle nostre iniziative in loro sostegno».

VAI ALLA HOME PAGE E LEGGI LE ALTRE NOTIZIE