Elezioni Lenta: l’appello di Comito, Met. Il Movimento Economia e Territorio è la sorpresa delle Comunali 2018 in paese.

Elezioni Lenta: l’appello di Comito, Met

Lista 2 – Movimento Economia Territorio – Met.
Candidato a sindaco: Francesco Comito.
Candidati a consigliere: Gian Paolo Bannino, Umberto Lombardo, Aldo Poncini, Roberto Giagnotto, Ciro Palumbo, Francesco Briganti, Salvatrice Loredana Di Grigoli, Agostino Cirafici.

Vogliamo tutelare le risorse del territorio

«Il Movimento per l’Economia e per il Territorio (M.E.T.), nasce con lo scopo di sviluppare l’economia e tutelare il territorio. Oggi, invece, nei piccoli centri abitati troviamo pochi esercizi commerciali che operano in condizioni di un quasi monopolio, approfittando della scarsa propensione all’imprenditorialità.

Verificare l’impatto del deposito militare

Per quanto concerne il territorio, si evince uno scarso interesse, da parte delle amministrazioni locali, al miglioramento dello stesso. Nel comune di Lenta, ad esempio, esiste il più grande deposito militare d’Italia; in pochi, invece, sono a conoscenza delle negative conseguenze ambientali che ciò sta causando. Dal canto suo, l’amministrazione non è mai intervenuta per porvi rimedio.

Leggi anche:  Carlo Riva Vercellotti: "così si indebolisce la Valsesia"

Determinati a favorire il progresso di Lenta

Questi problemi che non vengono risolti, incidono in modo rilevante sui tributi che i cittadini sono tenuti a versare nelle casse della pubblica amministrazione. Il M.E.T., se sostenuto dai cittadini, sarebbe in grado di attuare un piano che possa favorire lo sviluppo e la tutela del territorio.

Chiedo, dunque, agli elettori di prestare il loro consenso al Met, perché siamo innovativi, competenti e determinati a favorire il progresso del comune di Lenta. Se invece i cittadini decidessero di non accordarci la loro fiducia, sono liberi di farlo, è una loro scelta! Chi crederà in noi, sappia che sia io, Francesco Comito, sia i miei consiglieri garantiremo il nostro impegno ai massimi livelli.Con M.E.T. si può!»