Cinque Stelle per i licenziati Polioli: “Vanno aiutati”. La solidarietà da parlamentari, consiglieri regionali e il vercellese Michelangelo Catricalà

Cinque Stelle per i licenziati Polioli: “Vanno aiutati”

Sono alla fine 30 su 72 gli operai che alla fine del “cambio della guardia” in Polioli sono rimasti vittime della manovra industriale che ha portato al subentro di “Polialcoli” al posto di “Perstorp”. Hanno avuto una buonuscita di alcune mensilità, come prevedeva l’accordo e ci sono situazioni diverse, da chi aggancerà la pensione a chi, invece, si trova ora in gravissime difficoltà.

A dare la loro solidarietà sono i pentastellati piemontesi: il consigliere comunale di Vercelli Michelangelo Catricalà; Susy Matrisciano, Senatrice; Jessica Costanzo, Deputata; Francesca Frediani,
Gianpaolo Andrissi, Consigliere regionale M5S Piemonte

Perché proprio noi?

“Tutta la nostra solidarietà va ai 30 operai della Perstorp che da oggi sono definitivamente a casa (licenziati) ovvero che non saranno più reintegrati.

Ieri il nostro portavoce Michelangelo Catricalà ha parlato a lungo con uno degli operai che era affranto, avvilito, abbattuto e si domandava continuamente del perché proprio lui insieme agli altri 29 fosse stato lasciato a casa. Raccontava che, come gli altri, si è sempre impegnato ed ha sempre dato il massimo.

Maura Forte si muova

Ha chiesto quali fossero le motivazioni, perché non riusciva a crederci, senza però ricevere risposta. Ci rivolgiamo al Sindaco di Vercelli, Maura Forte, che ha assicurato che si sarebbe mossa immediatamente. Contemporaneamente, chiediamo alla Perstorp un impegno che crediamo sia dovuto.

Leggi anche:  Forza Italia: "In Italia il governo non può governare"

Le mensilità offerte come paracadute di uscita possono essere di aiuto, ma in questo momento di ‘crollo psicologico’ chiediamo qualcosa di più: l’impegno dell’azienda a garantire agli operai un percorso di outplacement completamente a suo carico, che aiuterà i dipendenti ad essere ricollocati nel mondo del lavoro.

Perstorp si impegni di più

Riteniamo che questo sia uno strumento molto valido, che in questo momento di crisi sia fondamentale perché può restituire alle persone fiducia e speranza di un futuro lavorativo, soprattutto a coloro che hanno un bagaglio notevole di competenze da offrire.

Siamo certi che Perstorp non si tirerà indietro e che farà uno sforzo per accompagnare i ‘suoi’ dipendenti verso un futuro migliore rispetto a quello che lei stessa ha potuto garantire”.

Leggi anche: Polioli: non dimenticate i 30 disoccupati

VAI ALLA HOME PAGE E LEGGI LE ALTRE NOTIZIE