Abolizione ticket farmaci in regione: soddisfazione del Pd Vercelli.

Abolizione ticket farmaci in Piemonte

«Il Partito Democratico di Vercelli e Valsesia plaude a un grande risultato raggiunto dalla Regione Piemonte guidata da Sergio Chiamparino che ha abolito il ticket sui farmaci, in vigore dal 2002. La nostra regione è una delle prime ad arrivare a un’abolizione completa del ticket, eliminando così una tassa sulla salute che grava sui cittadini, rappresentando inoltre un aggravio burocratico per l’amministrazione pubblica». È il commento del segretario provinciale Michele Gaietta.

Riorganizzazione

«Questo risultato è stato possibile grazie al lavoro di riorganizzazione di gestione e razionalizzazione di spesa della sanità regionale portato avanti dall’Assessore Antonino Saitta. Dopo la situazione disastrosa ereditata nel 2014, con una regione tecnicamente fallita, la giunta guidata da Chiamparino ha operato con lungimiranza e responsabilità – proseguono dal Pd – Ora queste scelte stanno dando i loro frutti. Come affermato dal nostro Consigliere regionale Gabriele Molinari, che ha contribuito al raggiungimento di questi risultati insieme a Giovanni Corgnati, l’11 gennaio scorso il Piemonte è stata valutata prima regione in Italia per qualità delle prestazioni sanitarie, secondo il monitoraggio del Ministero della Salute».

Leggi anche:  Elezioni comunali 2019: Oppezzo si ricandida a Costanzana

Un iter in corso

«Questa è la migliore risposta a chi, in questi anni, ha solamente fatto polemiche senza proporre alcuna soluzione complessiva, sostenibile economicamente nel lungo periodo, per gestire e riformare la sanità regionale. Il processo di riforma e miglioramento della sanità piemontese è tutt’ora in fase di sviluppo, bisogna pertanto prestare attenzione a chi, costruttivamente, evidenzia possibili criticità da affrontare, come fatto in questi giorni dalle sigle sindacali. Detto questo, l’abolizione del ticket è il primo di una serie di interventi che il centro-sinistra guidato da Sergio Chiamparino potrà mettere in campo per ridurre la pressione fiscale sui cittadini piemontesi.  Interventi, questi, resi possibili dall’azione concreta ed efficace portata avanti dall’amministrazione regionale – conclude Gaietta – Un motivo in più per confermare Sergio Chiamparino alle prossime elezioni regionali di maggio 2019».