Vino: consumo in aumento e 200 aziende nel Vercellese. Uno studio di Coldiretti promuove le province di Biella e Vercelli.

Vino: consumo in aumento e 200 aziende nel Vercellese

Siamo abituati a pensare al nostro territorio come alla “capitale europea” del riso… ma l’agricoltura in provincia è anche legata alla vite e sta avendo un boom considerevole. Fedeli al motto “il riso nasce nell’acqua ma muore nel vino” il vercellese ha sviluppato anche questa produzione.

Un po’ di dati…

Del resto, negli ultimi cinque anni, a livello nazionale, sono aumentati dell’8% i consumi di vino, con una netta inversione di tendenza rispetto al passato. Lo dice un’analisi della Coldiretti sulla base dei dati dell’OIV diffusa in occasione dell’incontro su “Mercati del vino e innovazioni in vigna”, promosso a Palazzo Rospigliosi, a Roma, dal Comitato di supporto alle politiche di mercato del vino della Coldiretti.

La produzione 2017 in Italia è stata di 22,6 milioni di ettolitri. A livello di consumi il nostro Paese è al terzo posto mondiale, dietro a Stati Uniti con 32,7 milioni e Francia con 27 milioni. Il trend di aumento dei consumi in Italia è secondo solo alla Cina crescita dell’8,2% nel quinquennio,

In crescita anche a Biella e Vercelli

“E’ in atto una rivoluzione sulle tavole degli italiani con i consumi che, dopo aver raggiunto il minimo, hanno invertito la tendenza con una decisa svolta verso la qualità del vino. Il fatto che anche il vino vercellese e biellese sia sempre più richiesto all’estero ne è la testimonianza”. Sottolinea il presidente di Coldiretti Vercelli Biella Paolo Dellarole.

Un mercato senza confini, che spazia dagli Stati Uniti al Giappone e, ovviamente, all’Europa, dalla Germania alla Norvegia: e tra i vini più ambiti ed esportati vi sono, ovviamente, quelli a base del vitigno principe del territorio delle due province, il Nebbiolo.

“Il vino delle nostre terre è cresciuto proprio scommettendo sulla sua identità con una decisa svolta verso la qualità che ha permesso di conquistare anche i palati stranieri. Oggi si contano nel Vercellese oltre 200 imprese con almeno un vigneto e una superficie che sfiora i 200 ettari coltivati a vite; nel Biellese risultano oltre 200 produttori di uve e oltre 250 ettari coltivati a vite” (elaborazioni Coldiretti Vercelli Biella).

Se ne consuma di più

L’appeal è crescente anche fra i consumatori: lo dimostra la crescita delle enoteche, autentiche ‘oasi del vino’, visto che negli ultimi otto anni si è registrato per questi locali un incremento medio nazionale del 18,9%: e anche nelle nostre province la loro presenza è costante, una trentina di esercizi nel Vercellese e altrettanti in provincia di Biella.