Tributo Paolo Conte: “It’s Wonderful!” domenica al Civico con Il Porto e la Vercelli Filarmonica Jazz

Tributo Paolo Conte

Uno spettacolo unico, che chi apprezza la musica di Paolo Conte, ma la buona musica in genere, non può mancare. Sarà domenica 8 aprile al teatro Civico alle ore 17.
Parliamo di «It’s Wonderful!», una coproduzione fra «Il Porto», la Vercelli Jazz Filarmonica “Gianni Dosio” e con il coinvolgimento di musicisti di spicco, molti dei quali vercellesi.
Un progetto che è stato fortemente voluto anche dal Comune nella persona dell’assessore Daniela Mortara e con il fondamentale sostegno di Fondazione Crv a cui si aggiungono prestigiosi sponsor: Asm Vercelli, Meeting Art e la riseria “S.P.”. Il costo di realizzazione dello spettacolo non è infatti di poco conto ed il prezzo dei biglietti è stato tenuto abbordabile: 15 euro.

Come è  nata l’idea

Roberto Sbaratto spiega: «L’idea è nata durante un concerto di Natale della Filarmonica in cui avevo cantato un brano di Conte. Pensai che sarebbe stato bello proporre un tributo al cantautore che compiva 80 anni. Ne parlai con Gianni Mantoan e pian piano il progetto ha preso corpo, anche perché abbiamo dei musicisti vercellesi come Rudy Migliardi e Alberto Mandarini che con Conte hanno suonato. A loro si è aggiunta Eleonora Nervi, suggerita da Daniela Mortara. Non la conoscevo. Poi ho imparato ad apprezzarla, suona, devo dire molto bene in basso-tuba».
Sbaratto confessa: «Si tratta della realizzazione di un sogno… la musica e le parole ci Conte mi sono sempre piaciute e poi abbiamo un tono di voce simile…

C’era a disposizione un repertorio infinito, ma noi ci siamo rivolti al primo doppio del 1985 che è in assoluto il più grande, poi abbiamo aggiunto anche qualcosa di più recente. In tutto ci sono 16 brani in scaletta. Sarà un ascolto molto vario e tra un pezzo e l’altro racconterò episodi che lo stesso Comte svelò in un libro curato dal giornalista Massimo Cotti, con affermazioni da cene e chiacchierate in cui il grande astigiano racconta anche come e perché sono nate certe canzoni. Una narrazione che sarà accentuata dai video curati da Matteo Bellizzi e con una sorpresa, la partecipazione di nuovi amici la formazione “Boogieisti Anonimi”».

Un gruppo con grandi musicisti

Al team che man mano prendeva corpo si è aggiunto un nome molto importante del jazz italiano Wally Allifranchini, che oltre a suonare, ha curato l’arrangiamento insieme a Marco Anastasio e Stefano Profeta, con la collaborazione di Gianni Mantoan e Alessandro Panella.
A spiegare l’importanza dell’arrangiamento è stato proprio Gianni Mantoan, coordinatore musicale del tutto: «Abbiamo la fortuna di avere dei professionisti molto validi. Pensate che nessuno aveva mai prima d’ora arrangiato i brani di Conte per una Big Band Jazz. Hanno dovuto scrivere parti completamente nuove per certi strumenti. Allifranchini in carriera ha firmato arrangiamenti per la Rai, per artisti di grande livello. Anche Stefano Profeta ha alle spalle studi di arrangiamento. La vera sorpresa è stato però il giovane Marco Anastasio, un talento naturale. Pensate che in sole tre ore ci ha risolto un complesso problema. Sono rimasto sbalordito».

Leggi anche:  Ferragosto e dintorni: iniziative a Vercelli

L’appoggio del Comune

L’assessore Mortara nel suo intervento ha ribadito: «Il Comune non poteva non essere presente. Visto che questa è una proposta di grande qualità l’abbiamo inserita fuori abbonamento nella stagione del teatro Civico. Gli amici de “Il Porto” e la “Filarmonica” si sono superati e grazie agli sponsor i costi sono stati sostenibili. Ora dobbiamo avere il pubblico delle grandi occasioni! Sono anche contenta di aver suggerito Eleonora Nervi che è un’altra musicista di valore che la nostra città può vantare».
Dunque un progetto di notevole spessore, che ha richiesto settimane di prove. «Il Porto» ci ha abituati negli anni a emozionanti “recital-concerto”, ricordiamo ad esempio l’omaggio a Fred Buscaglione o lo spettacolo folk “Riarangià”, ed altre serate in cui Sbaratto nella versione di “chansonnier” si è sempre distinto. La «Filarmonica Jazz» è nata nel 1979 e dal 1982 fino alla scomparsa fu diretta da Gianni Dosio a cui ora è dedicata è un vero monumento. Nei vari concerti che ha tenuto ha sempre avuto la collaborazione di mostri sacri del jazz italiano.

Biglietti e info

Come si annotava prima è anche grazie agli sponsor se il biglietto costa solo 15 euro (ridotto 13), più un euro di prevendita. I biglietti sono acquistabili al botteghino del teatro Civico mercoledì e venrdi dalle 18 alle 20 e sabato dalle 10,30 alle 12,30. Info: 0161-255544 / 0161-253047.