San Valentino 2019: appuntamenti a Vercelli. Musei, libri ed eventi vari legati alla Festa degli Innamorati

San Valentino 2019: appuntamenti a Vercelli

Siamo ormai a poche ore dalla Festa degli Innamorati, urge pertanto un riepilogo delle principali iniziative che sono in programma a Vercelli.

Mercoledì 13 febbraio: seminario di educazione sentimentale

Si tratta di un innovativo progetto formativo, promosso dalla Consulta regionale dei Giovani del Consiglio regionale del Piemonte e realizzato per la prima volta in Italia, che si rivolge a studenti e studentesse delle classi quinte degli istituti superiori. L’obiettivo è quello di contrastare la violenza e la discriminazione, in un’ottica preventiva, promuovendo una “rialfabetizzazione emotiva” di ragazzi e ragazze affinché siano in grado di instaurare relazioni interpersonali serene ed equilibrate.

Interverranno: il consigliere regionale Gabriele Molinari, delegato alla Consulta regionale dei Giovani; il professor Paolo Ercolani, docente di filosofia dell’educazione dell’Università di Urbino, la dottoressa Giuliana Mieli, filosofa e psicoterapeuta. Appuntamento alle ore 9,30 al teatro Civico.

Mercoledì 13  febbraio: «Che cos’è mai un bacio?»

Una raccolta di voci poetiche per dar voce a quel silenzio bellissimo che è un bacio. Questa è «Che cos’è mai un bacio? I baci più belli nella poesia e nell’arte», a cura di Alessandro Barbaglia (Interlinea, pp. 176, euro 12), un’antologia con immagini a colori che sarà presentata a Vercelli mercoledì 13 febbraio alle ore 18 alla Libreria Mondadori con il curatore e Giovanni Tesio, con reading. Ingresso libero. A proporre la prima antologia dedicata al bacio è un libraio e scrittore che nel libro spazia dalla «bocca mi baciò tutta tremante» di Paolo e Francesca a «ti manderò un bacio con il vento e so che lo sentirai» di Pablo Neruda, con le immagini pittoriche che vanno da Giotto a Chagall, resta sempre aperta la domanda dello stesso Cyrano: «un bacio, insomma, che cos’è un bacio?» dono ideale per esprimere l’indicibile emozione di un atto sempre nuovo, unico. Alessandro Barbaglia, poeta e libraio, è nato nel 1980 e vive a Novara. Nel 2017 ha pubblicato con Mondadori La Locanda dell’Ultima Solitudine, finalista al Premio Bancarella. L’Atlante dell’Invisibile (Mondadori) è il suo secondo romanzo.

14 febbraio: Festa alle Acacie

Al dancing «Le Acacie» la settimana si aprirà giovedì 14 febbraio per la serata San Valentino. Sarà ospite l’orchestra di Maurizio Medeo. Info e prenotazione tavoli: 0161-213824.

14 e 15 febbraio: innamorato di Vivian Maier

Giovedì 14 e venerdì 15 febbraio presso l’«Officina Anacoleti» di Vercelli avrà luogo uno spettacolo fuori stagione “Gli occhi di Vivian Maier”, una sorpresa e un grande omaggio: Roberto Carlone, vercellese fondatore della «Banda Osiris», salirà sul palco di corso De Gregori 28 per dar voce a quattro personaggi che, insieme, racconteranno l’importanza e la bellezza della fotografia, dando forma ad una celebrazione, se non una vera e propria dichiarazione d’amore a questa arte e a Vivian Maier, la fotografa statunitense nota soprattutto per essere stata un grande esponente della Street Photography. Lo spettacolo è organizzato da Officina Anacoleti in collaborazione con l’associazione “Il Ponte” presieduta da Luigi Di Meglio.
Inoltre, venerdì 15 febbraio alle ore 10.30, l’attore e il fotografo professionista vercellese Giampiero Marchiori riceveranno in Officina gli studenti delle scuole superiori per un approfondimento su Vivian Maier; questa iniziativa è aperta gratuitamente al pubblico. Mentre per lo show di Carlone il biglietto intero costa 12 euro (ridotto 10).
Prenotazioni: 335.5750907; www.anacoleti.org

14 e 17 febbraio – A.M.O.R.E. al Museo Leone

Il Museo Leone offre una settimana dedicata agli innamorati. Da martedì 12 a domenica 17 febbraio si potrà visitare con la speciale promozione “Se ami qualcuno… portalo al Museo Leone” che permette l’ingresso in coppia al costo di un solo biglietto. Ma non basta, sarà anche proposto un lavoro teatrale de «Il Porto» giovedì 14 alle 21 e in replica domenica 17 alle 17. «A.M.O.R.E. – Una questione di lettere» il titolo dello spettacolo. Valeria Bosco, poliedrica artista novarese, e Roberto Sbaratto, insieme al violino di Bruno Raiteri, proporranno una selezione di lettere di innamorati e amanti: un piccolo assaggio di una sconfinata messe di parole versate tra la gioia e le lacrime dell’amore. L’idea nasce, ancora una volta, dall’ingegno dell’Associazione culturale “Il Porto”, da Roberto Sbaratto e Cinzia Ordine. Le letture saranno accompagnate e scandite da momenti musicali dal vivo con, a condimento, la sorpresa di qualche incursione tratta dal volume «Che cos’è mai un bacio» (vedi articolo a destra). Insieme alla lettura, alla musica e a perle di saggezza sull’etica del bacio, il pubblico dovrà attendersi altre “curiose” sorprese, per una serata, o un pomeriggio, in cui l’Amore sarà protagonista non scontato. I due appuntamenti sono resi possibili grazie al contributo istituzionale del Comune di Vercelli e della Fondazione Cassa di Risparmio di Vercelli, e da quello del Gruppo VAuto di Stefano Vandone.
Consigliata la prenotazione: 0161 253204 (orari ufficio) – 334 8568194. Ingresso: € 12,00.

Leggi anche:  Stelle cadenti: dove vederle ed eventi dedicati

16 febbraio: “La serva padrona” al Civico

A suo modo è un appuntamento in tema perché la Società del Quartetto, insieme all’Accademia del Ricercare, propongono quella che secondo molti studiosi è la prima opera buffa della storia del melodramma: “la serva padrona” di Giovanni Battista Pergolesi.

E’ il primo appuntamento della nuova stagione del Festival “Antiqua”, dedicato alla musica antica, appuntamento sabato 16 febbraio al teatro Civico (ore 21). Gli interpreti saranno il basso Mauro Borgioni (Uberto) e il soprano Laura Lanfranchi (Serpina) con Gianluigi Ghiringhelli nella parte di Vespone. L’orchestra dell’Accademia del Ricercare sarà diretta da Pietro Busca, mentre l’allestimento scenico è a cura di Marisa Bazzano. Lo spettacolo è realizzato in collaborazione con il Comune di Vercelli.
Secondo molti studiosi sarebbe questa la prima opera buffa della storia, messa in scena per la prima volta il 28 agosto 1733 nel Teatro San Bartolomeo di Napoli.

L’opera fu un successo notevole anche a livello mondiale sin dagli esordi con una storica rappresentazione a Parigi, da cui nel 1752 ebbe origine «la Querelle des Bouffons», la disputa che vide gli estimatori della tragédie-lyrique francese di Lully e di Rameau opporsi alla più moderna e “realistica” opera buffa italiana.
La vicenda si svolge nell’anticamera della casa di Uberto, un uomo già anziano che nutre una tenera passione per Serpina, la furba cameriera che lo ha messo nel mirino dichiaratamente per sistemarsi e diventare una volta per tutte padrona. Uberto si è appena alzato e il fatto di non trovare la colazione pronta lo mette di malumore, un fastidio che cresce a dismisura di fronte ai toni altezzosi e superbi della ragazza, che anzi gli rinfaccia di non apprezzare adeguatamente le sue premure. Esasperato, Uberto le comunica che si è deciso a prendere moglie, in modo da non doversi più occupare degli affari domestici… Ed è solo l’incipit della più classica operetta amorosa con l’intrigo di Serpina si mette d’accordo con Vespone per non farsi soffiare Uberto, chiedendogli di travestirsi da Capitan Tempesta, un rude soldato che la avrebbe chiesta in moglie…
Biglietti disponibili in prevendita presso la Società del Quartetto. Platea: € 5 | € 8 | € 10 | € 12
Pacchetto famiglia: 2 biglietti + 1 giovane fino a 15 anni a € 1
Info e prenotazioni: 0161 255 575

Tutta la settimana: innamorati del Museo Borgogna

Torna anche quest’anno, per la gioia di tutti gli innamorati del Museo, l’appuntamento di «Un Museo per due»!
Per tutta la settimana di San Valentino, da martedì 12 a domenica 17 febbraio, potrete entrare in Museo in due con un unico biglietto (10 euro). Non importa come è formata la coppia: aspettiamo fidanzati, nonni e nipoti, genitori e figli, amici e colleghi… basta essere in due. In più sabato 16 e domenica 17 alle ore 16 il personale del Museo offrirà ai visitatori una visita guidata speciale a tema “amoroso”.
Per informazioni e prenotazioni 0161.252764.