Nel cielo di Vercelli un arcobaleno all’improvviso. Considerazioni su un evento che non smette mai di stupire e rasserenare.

Nel cielo di Vercelli un arcobaleno all’improvviso

Ci sta per un momento staccare dal “nastro” di truffe, fatti di cronaca, vicende tristi e deprimenti. Accade ad esempio che, al termine di una giornata pesante per questioni personali e in un momento di fatti assurdi, a cominciare dalla politica, ma non solo, camminando con la testa bassa e un sacco di preoccupazioni, elevando lo sguardo si intercetti l’incanto fanciullesco di un arcobaleno, ma meglio “arcansiel”. Dopo la pioggia che è caduta intorno alle 19 di lunedì 19 agosto le condizioni di rifrazione della luce nell’aria sono state sufficienti per scomporre lo spettro della luce nei colori fondamentali. L’arcobaleno visto dalla fisica è un episodio un po’ asettico, se compare all’improvviso sopra i tuoi “pensieri bui” è un miracolo. Un segno. I segni li chiediamo in continuazione al cielo, ma spesso non li sappiamo vedere. Dopo aver visto l’arco magico dei colori le grane e i patemi d’animo affievoliscono e anche il cuore diventa più leggero.

Leggi anche:  Castello di Buronzo: entusiasmanti laboratori per le scuole

E un altro miracolo, ben più in là nel tempo, lo trovate qui: Santuario del miracolo: una botanica riporta il “brisulin