Lirica a Vercelli: arriva il Nabucco al Civico. Con l’orchestra Sinfonica del Teatro Coccia e due cori di livello internazionale

Lirica a Vercelli: arriva il Nabucco al Civico

Non ci sono tante occasioni per gli amanti della lirica di ascoltare a teatro i classici del melodramma. Per cui l’appuntamento di venerdì 11 gennaio, ore 21, al teatro Civico è di quelle sa segnarsi in agenda… Verrà rappresentato uno dei capolavori di Giuseppe Verdi il “Nabucco” (per capirsi è l’opera in cui si canta il “Và Pensiero”I.

L’appuntamento è proposto dall’Orchestra Sinfonica Carlo Coccia di Novara con la partecipazioni dei cori Projektchor SMW e Frick Singkreis Wohlen in collaborazione con la Società del Quartetto e il Comune di Vercelli. Si tratta di una rappresentazione in forma di concerto senza la parte scenografica e coreografica.

I biglietti sono in vendita presso la biglietteria del teatro già oggi, mercoledì 9 gennaio, e  venerdì 11 dalle 17,30 alle 19,00, e presso Dosio Music di Via Verdi 44 negli orari di apertura del negozio.

Questa vercellese è la prima data di una tournée destinata a protrarsi poi la settimana successiva in Svizzera con concerti a Berna, Aarau e Zofingen.

Il “Và pensiero”, inno del Risorgimento

Tornando al celeberrimo «Va’ pensiero» assurto a notorietà universale, emblematico simbolo di patriottismo, più ancora immagine iconica del Risorgimento italiano adombrato entro un’articolata vicenda che vede ambientato in epoca antica ed in un contesto storico differente, un plot vistosamente orientato a ‘passare’ per l’appunto messaggi patriottici di schietta natura ottocentesca.

Leggi anche:  Carnevale di Santhià: in treno a prezzi scontati

Un cast di grande livello

Enrico Marucci

Natasa Katai

Manuela Barabino

Sul piano vocale la produzione vede impegnato un cast davvero d’eccezione. E dunque: Enrico Marrucci nel ruolo del protagonista, mentre Natasa Katai sarà Abigaille, Giovanni Battista Parodi interpreta Zaccaria laddove il tenore Danilo Formaggia vestirà i panni di Ismaele; Manuela Barabino sarà Fenena, Anna avrà la voce di Maria Eleonora Caminada e Abdallo quella di Michel Anner.

Il direttore Dieter Wagner

Sul podio, a governare saldamente solisti e cori, salirà Dieter Wagner, direttore dal vasto curriculum e dalla provata esperienza il cui cognome, curiosamente nonché ovviamente, fa pensare al… rivale di Verdi (del quale peraltro egli non è erede).

“Davvero difficile sintetizzare in poche righe i valori – peraltro notissimi – dell’opera stessa, entro la quale sono racchiusi temi indimenticabili, arie di grande pregnanza lirica ed elevatissimo valore drammaturgico, nonché di forte tensione drammatica, e un substrato strumentale di forte ‘presa’ sul pubblico:s a partire dalla Sinfonia, dapprima ieratica e solenne e poi pimpante. Impossibile restarne indifferenti. Della presenza del coro già si accennava, quale personaggio collettivo, a simboleggiare certo la massa del popolo ebraico, ma più ancora a preconizzare quella Unità d’Italia, all’epoca ancora ben al di là da venire”.

VAI ALLA HOME PAGE E LEGGI LE ALTRE NOTIZIE