Fumetti spaventosi appuntamento al Palazzo Paleologo di Trino venerdì 15 dicembre.

Fumetti spaventosi a Trino

H.P. Lovecraft il “solitario di Providence”. Forse al grande pubblico non dice molto. Ma se vi siete interessati di letteratura fantastica certamente sapete di chi si parla…

Quando lessi il mitico “tomo” delle storie complete ebbi letteralmente incubi per diverso tempo… Morto ancora giovane lo scrittore americano parlava di “indicibili” cose. Non solo in senso figurato ma anche impronunciabili, essendo i suoi mostri creature “anziane” per diluvio e non umani… Bene a Trino (Palazzo Paleologo) si sta ricordando questo personaggio che è tra i padri dell’Horror moderno.

E’ la m0stra “Tentacoli”, organizzata dall’associazione “Note di colore” a Palazzo Paleologo di Trino per gli 80 anni dalla morte. Venerdì 15 dicembre alle 21,15 si parlerà di “Comics da Paura” Ovvero “cento anni di horror a fumetti”.
Se non sapete chi è Lovecraft la mostra, aperta tutte le domeniche dalle 16 alle 18, fino al 7 gennaio è una bella occasione per documentarvi.

Leggi anche:  White Ascom Night - il programma

Ospite Alberto Angelino

Per il calendario di eventi collaterali sarà la volta di un viaggio nelle illustrazioni più orrifiche tenuto da Alberto Angelino: giornalista, di Casale Monferrato, studioso di storia del fumetto. Recentemente ha indagato l’origine ebraica dei supereroi in un ciclo di conferenze alla Sinagoga di Casale. Si  è occupato anche del fumetto erotico degli anni ’70 a Casale Comics, manifestazione di cui è anche ufficio stampa.

“In realtà la chiacchierata a Tentacoli sarà un excursus nella paura raccontata per immagini – spiega l’autore – andremo alle radici del terrore, non solo nei fumetti, ma anche nella pittura e nel cinema. Insomma parleremo poco di Dylan Dog per intenderci, e più di Plinio il Giovane, Dorè, Egon Schiele, Topolino e di tanti insospettabili autori e personaggi ‘fumettosi’ che magari con l’horror sembrano non centrare nulla, ma che invece sono alle radici di un genere diventato parte della nostra cultura”

La mostra e gli eventi sono a ingresso libero. Per informazioni 328 076 223