Feste d’estate: a Stroppiana decolla la Sagra del “Lapagiun”. Fino al 17 agosto ogni sera abbuffate e note orchestre per ballare.

Feste d’estate: a Stroppiana decolla la Sagra del “Lapagiun”

Nella foto alcuni giovani esponenti del team della Pro Loco in una precedente edizione.

La «Sagra dal Lapagiun» è da tempo una delle attrattive ferragostane della Bassa, ma quest’anno c’è un motivo in più per venire a Stroppiana a festeggiare: dare una mano alla gente del paese a ritrovare il sorriso dopo la devastante grandinata. La festa decolla oggi, sabato 10 agosto, e terrà banco fino al 17, ben otto giorni di buona cucina e serate musicali.

La parola alla Pro Loco

«L’ossatura della festa – spiega il presidente della Pro Loco Daniele Oppezzo – è quella ormai collaudata da tempo. Abbiamo confermato l’alternarsi delle orchestre di liscio e dei gruppi più vicini ai giovani e non solo. L’invito è più caloroso del solito: venite a trovarci da Vercelli, dalla Bassa, da fuori… vi accoglieremo con ancor più entusiasmo perché abbiamo bisogno che ci sia festa e un po’ di allegria dopo la batosta che abbiamo avuto».

Il programma

Siamo all’edizione 175 della patronale e alla 34esima del «Lapagiun» Ogni sera, nella tradizionale location di piazza Libertà, un piatto speciale nel menù e un’orchestra diversa per cantare e ballare.

Sabato 10 agosto, alle ore 16 partiranno i “Tornei del Lapagiun» a cura dei coscritti del 2001, alle 19,30 apertura padiglione ristorante, stesso orario per tutta la sagra, proponendo come piatto del giorno i bolliti misti. Alle ore 20 inaugurazioni di attrattive che saranno aperte per tutta la manifestazione. Al salone della Soms due esposizioni: i disegni degli alunni di scuola Infanzia e Primaria dell’VIII Concorso «Sogna il Lapagiun»; una mostra fotografica dal titolo: «Una bandiera per un ideale. Il Mutuo Soccorso attraverso i suoi vessilli».
Nella chiesa di Santa Marta il banco di beneficenza pro restauri chiesa, le «Favole di pietra» di Tonina Vasino e una mostra di pittura dell’artista Gianni Rustico. Alle 21 veglionissimo d’apertura con l’orchestra Raf Benzoni.

Domenica 11, alla mattina la Messa della Patronale, alle 18 una sfilata di gioielli. La cucina punta sul Chili con carne messicano, mentre l’intrattenimento (ore 22) sarà affidato agli Oxxxa. Preceduti (ore 21), con un’esibizione di Dany e Maddy, della scuola di danza «New Dance Center».

Lunedì 12 il menù prevede lo stinco con patate e, alle 22.30, Gran Galà con l’Orchestra Mauro. Preceduta da un’esibizione della scuola di ballo «Arsa Dance».

Martedì 13, fritto misto alla piemontese e balli in compagnia di Luca Frencia, (21.30). Lo spazio saggio sarà dedicata ancora alla «New Dance Center».

Leggi anche:  Picco-Bertallot: un duo vercellese al Festival di Sarzana

Mercoledì 14, la cucina propone grigliata & porchetta, mentre alle 22 toccherà alla Shary Band infiammare gli animi.

Giovedì 15 agosto mattina dedicata alla Beata Vergine Assunta, a seguire il pranzo degli anziani del paese con ospiti l’Anffas di Vercelli e Casale. Alla sera in tavola arriva la Lonza del Lapagiùn, mentre alle 22 salirà sul palco la Romanet Band. Spazio esibizione per «Baby Dance».

Venerdì 16, il via sarà goloso, con la gara di torte alle ore 15, a cura della Leva del 2001. Alle 17 la sfilata di moda a cura del negozio «Violante» di Vercelli. La serata gastronomica prevede la trippa in umido come piatto del giorno e gran divertimento (ore 22) con I Muppets. Prima, però, ore 21, esibizione della scuola vercellese «Jungle Gym»

Sabato 17 agosto chiusura in grande stile. Si comincia alle 14,30 con la «Caccia al tesoro», sempre promossa dagli attivissimi ragazzi del 2001.
Cena con una scorpacciata di merluzzo con cipolle e polenta e Gran Galà con l’orchestra I Soleado. Alle 18 un classico e sentito appuntamento, con la finale del torneo di calcetto alla memoria di Chicco e Michael.
Da segnalare inoltre che il ristorante, oltre alle specialità di serata, ha anche un menù di piatti tipici e che tutte le sere ci sarà anche il mercatino lungo le vie del paese in collaborazione con Confesercenti.

Una tradizione che continua

«Ce la stiamo mettendo tutta – conclude il presidente della Pro Loco – perché sia una festa come sempre attrattiva. Ogni volta che ci mettiamo in pista otteniamo buoni risultati, questo grazie all’impegno dei nostri volontari. Per la patronale lavorano circa in cinquanta, settanta se consideriamo anche i tanti giovanissimi che non fanno mai mancare il loro contributo. Grazie poi al Comune che crede nella manifestazione e a tutti coloro che vorranno venire a trovarci».

«La nostra Patronale – spiega il sindaco Maria Grazia Ennas – è ornai da anni un appuntamento atteso non solo nel circondario, sono tanti gli affezionati amici che vengono da ogni dove per questo 8 giorni di ottima cucina, musica e attrazioni. Vi aspettiamo a braccia aperte, la vostra visita ci aiuterà anche moralmente nel ridare gioia al paese e, naturalmente, l’invito vale anche per la serata benefica del 9 agosto».

VAI ALLA HOME PAGE E LEGGI LE ALTRE NOTIZIE