Cena ecumenica dell’Accademia della Cucina Italiana. Giovedì 17 ottobre cena speciale all’Interno 3.

Cena ecumenica dell’Accademia della Cucina Italiana

Nelle foto il gruppo vercellese dell’Accademia Italiana della Cucina e lo chef Massimiliano Massara.

Anche Vercelli nella “maratona” mondiale della “Cena ecumenica”, promossa dall’Accademia Italiana della Cucina, il cui capo delegazione per Vercelli e la professoressa Paola Bernascone Cappi. L’appuntamento è per giovedì 17 ottobre al Ristorante “Interno 3” di via Vittorio Veneto.

Qualche dettaglio in più

Si terrà giovedì 17 ottobre la prossima Cena Ecumenica dell’Accademia Italiana della Cucina. Il tema dell’anno 2019 è “La pasta fresca, ripiena e gli gnocchi”. Organizzata nello stesso giorno da tutte le delegazioni, nel proprio territorio, per celebrare ecumenicamente il tema dell’anno, è l’occasione per riunire idealmente e fattivamente tutte le delegazioni presenti in Italia e all’estero. Si svolgerà anche a Vercelli al Ristorante Interno 3, in via Vittorio Veneto, con lo chef Massimiliano Massara ai fornelli e con Paola Bernascone Cappi, delegata di Vercelli dell’Accademia Italiana della Cucina a fare gli onori di casa.

Protagonista Chef Massimiliano Massara

Lo chef Massimiliano Massara sarà chiamato a sviluppare il tema 2019 con estro e gusto: si è diplomato all’Istituto Alberghiero “Ermenegildo Zegna “ di Trivero e ha lavorato in diverse realtà , tra le quali Il Grand Hotel Billia e il Casino de la Vallee a Saint Vincent. Successivamente si è trasferito in Francia, nel Principato di Monaco dove ha lavorato per tre anni. Tornato a casa ha deciso di intraprendere una sua attività lavorativa e si è lanciato in questa nuova avventura, una bella realtà aperta nell’aprile del 2017, dove un tempo sorgeva il Cinema Viotti.

Leggi anche:  Antonio Corona nel ricordo di Piera Mazzone

Pasta fresca ripiena e gnocchi

“Il tema dell’anno 2019 individuato dal Centro Studi “Franco Marenghi” e approvato dal Consiglio di Presidenza è “La pasta fresca, ripiena e gli gnocchi” – spiega la delegata di Vercelli dell’Accademia Italiana della Cucina Paola Bernascone Cappi-. É questo l’argomento dell’ultimo volume della “Biblioteca di Cultura Gastronomica” e delle relazioni e preparazioni della cena ecumenica, che vedrà riuniti alla stessa mensa virtuale tutti gli Accademici, in Italia e nel mondo, il 17 ottobre 2019”.

Maratona mondiale

La Cena Ecumenica è una caratteristica esclusiva dell’ Accademia nella quale tutti gli accademici e tutte le delegazioni si trovano uniti in un’unica cena che si compie nello stesso giorno, in tutto il mondo e nell’arco di 24 ore.
La Cena Ecumenica, assieme alla Cena degli Auguri (dicembre) ed alla Cena della Cultura (marzo) costituisce una triade di tre cene, ognuna con singole e specifiche caratteristiche culturali. In questa triade, la Cena Ecumenica è la manifestazione del valore non solo italiano, ma mondiale e quindi universale della Cucina Italiana. La Cena Ecumenica è l’occasione per sviluppare, attraverso la convivialità, i valori della cucina italiana, con la valorizzazione degli elementi identitari del cibo dell’anno, non solo con la sua genuinità ed originalità, ma anche attraverso un menu rappresentativo delle caratteristiche della cosiddette “Tre T” che caratterizzano la nostra cucina italiana: Tradizione, Territorio e Tecniche originali.

VAI ALLA HOME PAGE E LEGGI LE ALTRE NOTIZIE