Bandiera arancione il Touring Club Italiano la riconferma a Varallo.

Bandiera Arancione fino al 2020

Varallo ha ricevuto anche questa volta la Bandiera rancione, il riconoscimento del Touring Club Italiano riservato ai borghi contraddistinti da ricchezza culturale e accoglienza di buon livello. Le nuove Bandiere arancioni sono state annunciate oggi: sono 227. Su oltre 2.800 candidature in questi 20 anni solo l’8% ha ottenuto il riconoscimento. La Bandiera sarà valida fino al 31 dicembre 2020.

Un invito in Valsesia

Il sindaco Eraldo Botta, con l’assessore Pietro Bondetti e il consigliere Mara Frigiolini, ha invitato il Sindaco di Genova a visitare la Valsesia, il quale rimane a nostra disposizione per valutare nuove idee in ambito turistico e di comunicazione.

Il programma delle Bandiere arancioni

Si tratta del primo programma di sviluppo e valorizzazione turistica dei borghi in Italia e, ancora oggi, l’unico dedicato esclusivamente i comuni con meno di 15.000 abitanti dell’entroterra. L’iniziativa è nata in Liguria per poi svilupparsi a livello nazionale. Il Piemonte è al secondo posto in Italia per il numero di Bandiere arancioni, con 28 riconoscimenti.

Leggi anche:  Ferragosto e dintorni: iniziative a Vercelli

Chi la riceve

La Bandiera arancione è pensata dal punto di vista del viaggiatore e della sua esperienza di visita: viene assegnata alle località che non solo godono di un patrimonio storico, culturale e ambientale di pregio, ma sanno offrire al turista un’accoglienza di qualità. Il marchio ha una validità temporanea, ogni tre anni i Comuni devono ripresentare la candidatura ed essere sottoposti all’analisi del TCI che verifica la sussistenza degli standard previsti e garantisce cosi ai viaggiatori un costante monitoraggio della qualità dell’offerta turistica e alle amministrazioni uno stimolo al miglioramento continuo.