Baccanale Asigliano: al via la festa dell’estate. Esordio con i Mondiali di Panissa, si festeggia fino al 31 luglio.

Baccanale Asigliano: al via la festa dell’estate

Nella foto una parte del team di cucina in azione.

Questa sera, ore 19,30, prende le mosse il Baccanale d’Estate di Asigliano diciottesima edizione. L’inaugurazione coincide con un evento del Campionato Mondiale di Panissa, con degustazione e apertura del padiglione gastronomico.

Oltre alla panissa questi i piatti della serata: risotto asparagi e zafferano, risotto toma e Bramaterra e lumache in umido. Ore 21,30: al parco comunale Orchestra Barbara & Loresax. Ore 22,30: all’area polifunzionale band “Controvento”.

Ore 23,00: al parco proclamazione finalisti del campionato mondiale di panissa.

Leggi anche. Baccanale di Asigliano: il programma completo

L’intervista a Paolo Dattrino

Per chi vuole approfondire ecco l’intervista al “regista” che è stata pubblicata nello speciale sull’edizione cartacea.

Il Baccanale diventa maggiorenne

«Quest’anno il Baccanale d’estate diventa adulto, infatti compie la maggiore età. Il cuore della manifestazione è certamente cucina. Il team gastronomico è  oramai rodata da tanti anni di attività e dai numerosi eventi realizzati. Rimane sempre un occhio di riguardo per i piatti della nostra tradizione, anche se non mancheranno specialità non proprio locali, che vanno dal pesce proposto in diversi modi a svariati tipi di pizza. Rivolgiamo un’attenzione particolare alla provenienza delle materie prime, come per altro è già di nostra abitudine; tendiamo ad effettuare le forniture da produttori a “Km 0”. Tutte le sere verranno proposte portate diverse, per cercare di riuscire a soddisfare i palati più esigenti, spaziando dalle lumache in umido alla bistecca alla fiorentina o dalla paella al risotto al Castelmagno e nocciole».

Il menù fisso

Ma ci sarà anche il menù fisso, come dice ancora il presidente: «Serviremo una serie di piatti fissi per tutta la durata della sagra, tra gli altri: agnolotti, panissa, grigliata mista di carne e tante altre leccornie. Inoltre, rimanendo sempre nel campo food, segnalo che abbiamo deciso di continuare, come nelle precedenti edizioni, ad offrire, durante le ultime tre serate, un piatto di penne a sorpresa».
Una delle peculiarità della kermesse asiglianese, e che ne delinea da sola la portata, è la possibilità di avere un doppio programma musicale.

Due concerti a sera

«Sul lato dell’intrattenimento musicale – dettaglia Dattrino – proponiamo la doppia scelta di musica ogni sera, per poter soddisfare i gusti sia dei giovani che dei meno giovani, ad ingresso libero, presso il parco comunale – area polifunzionale dove, da quest’anno, introduciamo una novità davvero fresca… lo «schiuma party», nel pomeriggio di domenica. Ricordo anche, per la forte attrazione di pubblico che riesce a coinvolgere, lo spettacolo pirotecnico che si svolgerà lunedì sera presso l’ex campo sportivo del paese. L’area dei festeggiamenti che verrà correttamente trattata, per scongiurare la presenza di zanzare».

Leggi anche:  Stelle cadenti: dove vederle ed eventi dedicati

Punto di riferimento

«Il Baccanale – prosegue il presidente del Comitato – rappresenta un punto di riferimento degli eventi gastronomici del vercellese, infatti si apre la prima sera con la degustazione della panissa cucinata per l’apertura del “Campionato Mondiale” che, insieme alla storica corsa dei buoi della patronale di San Vittore, si sta affermando come un evento turistico in grado di attrarre persone da diverse località vicine e lontane».

Le attività del Comitato

Del resto se il Baccanale rappresenta un formidabile impegno non è il solo durante l’anno per l’associazione asiglianese.
«Organizziamo e partecipato a diverse manifestazioni culinarie – spiega Dattrino – permettendo così di creare una perfetta sinergia tra gli addetti ai lavori. Infatti, oltre che alla festa patronale anche quest’anno abbiamo partecipato alla “Fattoria in città”, riscuotendo un grande successo, così come ci auguriamo di riconfermarlo nel proseguo dell’anno quando saremo impegnati nella festa Patronale di Treville Monferrato e a seguire alla “Festa dell’Uva” di Casale Monferrato, tutti eventi che vengono calendarizzati da un anno all’altro».

La collaborazione di tutti

Una macchina così ben oliata non funzionerebbe se non ci fosse la collaborazione di tutti, ed ecco i rituali, ma non inutili, ringraziamenti.
«Oltre a ringraziare tutti i membri attivi della nostra associazione che con tanti sacrifici, impegno e professionalità, permettono di realizzare questo importante evento, voglio rivolgere un caloroso ringraziamento al sindaco Carolina Ferraris e al parroco don Gian Franco Brusa, che celebrerà la santa messa sabato pomeriggio presso il parco comunale e a tutta l’amministrazione comunale di Asigliano Vercellese che ci aiuta a portare avanti queste ed altre ricorrenze molto impegnative che richiedono mesi di preparazione, senza dimenticare un fraterno abbraccio che rivolgo a tutti i cittadini asiglianesi e a tutti coloro che si vorranno a vario titolo far coinvolgere in questa bellissima festa….».

Luca Degrandi