Spaccio di droga: a Borgosesia i carabinieri hanno arrestato un 23enne sorpreso in possesso di hashish.

Spaccio di droga

I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Borgosesia hanno arrestato un 23enne, residente a Roasio, gravato da vicende penali per reati in materia di stupefacenti, perché ritenuto responsabile di detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio. L’episodio risale a martedì scorso, e rientra nell’ambito delle attività dei Carabinieri costantemente finalizzate alla repressione del fenomeno del consumo e dello spaccio di stupefacenti, soprattutto tra giovani e giovanissimi. Ormai da qualche giorno i militari si erano fatti l’idea che il 23enne avesse a che fare con gli
stupefacenti. Il giovane era già noto ai Carabinieri per qualche vicenda legata proprio alla droga, ed il suo frequente contatto con personaggi vicini all’ambiente dei consumatori locali, in più località della valle, aveva ulteriormente insospettito i militari.

Il controllo

Così, quando la mattina di martedì scorso una Pattuglia della Radiomobile di Borgosesia ha incrociato il giovane a bordo della sua auto, i due militari hanno ritenuto opportuno fermarlo e procedere al controllo. Le prime conferme che qualcosa non andasse sono arrivate subito. Il 23enne ha subito evidenziato nervosismo, già al momento della richiesta dei documenti di circolazione, si è dimostrato scocciato, oltremodo infastidito, non nascondendo ai due Carabinieri che aveva anche una certa fretta. Un segnale generalmente non equivoco, ma che, per la specifica situazione, valeva la pena di approfondire.

Leggi anche:  Ruba cellulare: scoperto e denunciato

Lo stupefacente

Pochi istanti ed ecco arrivare la conferma dei sospetti, durante la perquisizione del veicolo i militari hanno trovato la ragione della fretta: nel bagagliaio erano nascosti due panetti di hashish del peso complessivo di circa 150 grammi. La perquisizione è stata successivamente eseguita anche presso l’abitazione del 23enne, dove sono stati rinvenuti 2 “spinelli” confezionati con hashish e frammenti di cellophane comunemente utilizzato per avvolgere lo stupefacente. Infine, la droga ed i materiali rinvenuti sono stati sequestrati, mentre il 23enne è stato sottoposto agli arresti domiciliari in attesa delle determinazioni dell’Autorità Giudiziaria.