Scatola nera taroccata: camionista nei guai. Fermato a Gattinara dalla Polizia Stradale di Vercelli che stava effettuando i controlli di routine sui mezzi pesanti.

Scatola nera taroccata: camionista nei guai

I mezzi pesanti devono tutti avere a bordo la loro “scatola nera” o più propriamente il cronotachigrafo, uno strumento che segnala tutto, quindi velocità ore di guida ecc. Molti cercano di fare i furbi e non è la prima volta, però, che gli agenti della Polstrada di Vercelli rovinano loro la “pacchia”.

E’ avvenuto ancora durante lo scorso fine settimana, nell’ambito della quotidiana attività di controllo a mezzi pesanti, a Gattinara, lungo la SP142, pattuglie della Sezione Polizia Stradale di Vercelli hanno sottoposto ad un controllo un autoarticolato di proprietà di una ditta di trasporti di Parabiago (MI).

Il dispositivo galeotto

Durante la verifica del funzionamento del dispositivo cronotachigrafo, però, gli agenti hanno rinvenuto nel vano fusibili, collegato mediante un innesto scart, un dispositivo atto a manomettere il dispositivo dell’impianto ADBLUE presente sul veicolo.

Leggi anche:  Possesso di droga: due giovani nei guai

Una palese violazione della normativa antinquinamento, per cui il dispositivo è stato sottoposto a sequestro e il conducente sanzionato con un verbale che comporta la sanzione accessoria del ritiro della carta di circolazione ed il mezzo è stato sottoposto a visita di revisione straordinaria.

Il caso precedente

Analoga contestazione è stata sollevata il mese scorso (05.10.2019) in località Serravalle Sesia. Nel controllare un autocarro di proprietà di una ditta di Milano, gli agenti della Polizia Stradale di Vercelli avevano scoperto, precisamente nella cabina di guida, il dispositivo di manomissione sopra descritto. Anche in tale frangente hanno provveduto ad elevare le sanzioni sopra descritte.

VAI ALLA HOME PAGE E LEGGI LE ALTRE NOTIZIE