Rubavano piastrelle in cascina abbandonata: tre arresti. Avevano estirpato centinaia di preziose piastrelle in cotto del valore di migliaia di euro.

Rubavano piastrelle in cascina abbandonata: tre arresti

Nella foto inviata dai carabinieri la “refurtiva”.

I carabinieri della stazione di Ronsecco hanno arrestato tre persone per tentato furto in una cascina.

I tre sono stati individuati nel corso di un giro di pattuglia finalizzato alla prevenzione dei furti.

Nel pomeriggio di giovedì 24 ottobre una pattuglia della stazione di Ronsecco, mentre transitava nelle aree rurali del Comune di Costanzana, ha avvistato un furgone nei pressi di una cascina abbandonata.

Incuriositi i militari hanno approfondito la cosa, constatando che al piano superiore si sentivano dei rumori di materiale edile che veniva spostato e delle voci di persone che stavano lavorando.

Grazie all’utilizzo di una scala, risultata poi portata dagli stessi intrusi, i militari hanno raggiunto il secondo piano, scoprendo che erano presenti tre persone di cui due uomini ed una donna, intenti a staccare le piastrelle del pavimento in cotto antico, utilizzando dei trapani a percussione.

“Muratori” provetti

I tre erano impegnati presumibilmente da diverse ore ed avevano già staccato diverse centinaia di piastrelle, accatastate nel cortile, in attesa di caricarle sul furgone. I tre, domiciliari a Trino.

Leggi anche:  Trino: danneggiano e occupano abusivamente un alloggio

I “muratori” sono rimasti sorpresi dall’arrivo improvviso della Benemerita  e non sono riusciti a giustificare la loro presenza e il loro operato. Il proprietario dell’immobile è stato rintracciato ed ha negato di conoscerli e che dunque si trattava proprio di tre ladri, intenti a rubare il materiale che sicuramente sarebbe stato venduto altrove.

Furto di notevole entità

Un furto su commissione il cui valore ammonta a diverse migliaia di euro, trattandosi di ceramica antica di pregio.

Del loro arresto veniva informato il PM della Procura della Repubblica di Vercelli che disponeva che i tre venissero portati agli arresti domiciliari per poi essere tradotti innanzi al Tribunale nella mattinata odierna.

Innanzi al Tribunale di Vercelli l’arresto veniva convalidato e fissato il processo per il mese di dicembre. Nei confronti dei tre malfattori, nel frattempo verrà richiesto un foglio di via obbligatorio per evitare che ritornino in futuro per commettere altri delitti.

VAI ALLA HOME PAGE E LEGGI LE ALTRE NOTIZIE