Rapina impropria: arrestati madre e figlio. Con l’aggravante di violenza e resistenza.

Rapina impropria: arrestati madre e figlio

Lo scorso 13 marzo i Carabinieri della Radiomobile hanno arrestato due vigevanesi, M.R., 22enne, con precedenti penali, perché ritenuto responsabile di rapina, violenza, minaccia, resistenza ed oltraggio a Pubblico Ufficiale e sua madre N.M., 50enne, anch’essa con precedenti, sempre per violenza, minaccia, resistenza, oltraggio e lesioni a Pubblico Ufficiale.

Intervento alla mezzanotte di lunedì 12

I Carabinieri sono intervenuti poco prima della mezzanotte di lunedì 12 marzo al “Carrefour Market” di via XX settembre. La richiesta era partita dalla guardia del punto vendita. L’uomo aveva sorpreso il 22enne mentre cercava di allontanarsi, dopo aver superato la barriera delle casse, nascondendo qualcosa sotto al giubbotto.

Il giovane, nel tentativo di sfuggire alla guardia, la strattonava ripetutamente. Veniva definitivamente bloccato solo all’arrivo dei carabinieri. In seguito alla perquisizione il giovane è stato trovato in possesso di una bottiglia di liquore sottratta dagli scaffali del supermercato.

Leggi anche:  Lite fra prostitute al Brianco

Arriva la madre fuori di testa

Mentre i Carabinieri invitavano il 22enne a salire sull’auto di servizio per condurlo in caserma, si è improvvisamente avvicinata a loro la madre del giovane. La donna era in evidente stato di alterazione da uso di bevande alcoliche. Ha subito iniziato ad insultare e minacciare i tutori dell’ordine insieme al figlio, dimenandosi e sferrando loro calci e pugni che hanno causato ad uno dei militari lievi lesioni.

A questo punto, madre e figlio, non senza fatica, sono stati condotti nella caserma di via Vinci dove, a conclusione delle previste formalità sono stati arrestati. Infine, entrambi sono stati associati alla Casa Circondariale di Vercelli, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.