Morto Piero Spagnolo, tromba di Zucchero. Era di San Giacomo Vercellese e aveva 64 anni, in carriera aveva fatto parte di grandi orchestre.

Morto Piero Spagnolo, tromba di Zucchero

Nella foto Spagnolo nella copertina del disco prodotto dall’amico Gianni Cagliano

Piero Spagnolo era uno dei tanti musicisti del Vercellese che si fanno onore nella professione. E’ morto ieri all’età di 64 anni.

Era di San Giacomo Vercellese dove, giovedì 7 giugno alle ore 15, nella chiesa parrocchiale, saranno celebrati i funerali.

Nel corso della sua carriera era stato nella bandi di Zucchero come tromba (lo strumento in cui eccelleva) in occasione dell’European Tour del 1988.
“Era un grande amico – dice Gianni Cagliano, musicista e producer vercellese – gli ho anche prodotto un disco (“Y que se haran”) nel periodo in cui collaboravo per le edizioni Universal”.
“Sto andando – scrive Cagliano – alle camere mortuarie dell’ospedale San Raffaele a Milano per l’ultimo saluto. E’ stato un grande trombettista e musicista da tutti detto Pierino. I musicisti storici di Zucchero, che lo accompagnarono a Sanremo nel brano “Donne” sono stati avvisati e, dunque, faranno sapere a Zucchero che è morto il suo amico Pierino”.

Leggi anche:  Furto all'Eurospin: denunciate due giovani

Alle esequie giungeranno diversi colleghi. Il maestro Paolo Favini, con alcuni componenti dell’orchestra televisiva di Maurizio Crozza, intoneranno brani in suo onore. Il maestro Piero Spagnolo aveva anche collaborato con Le Orchestre Rai e Mediaset.

Piero Spagnolo lascia una sorella e un fratello.