Mario D’Uonno: ecco chi è lo stalker di Simona. Il 53enne è in carcere a Vercelli e si è per ora giustificato adducendo un raptus di follia.

Mario D’Uonno: ecco chi è lo stalker di Simona

Leggi anche: Fiaccolata per Simona: il video

Gli altri casi di violenza sulle donne nel Vercellese

Stanno emergendo parecchi particolari sulla violenza inaudita di Mario D’Uonno ai danni di Simona Rocca che al momento è ricoverata al CTO di Torino con ustioni sul 45% del corpo. Ma  che secondo le ultime informazioni starebbe per fortuna migliorando.

Stalking pressante e denunce

Mario D’Uonno ha 53 anni e un passato da guardia giurata. Si era costituito presso la Questura Novara nella giornata dell’aggressione, lunedì 4 febbraio 2019 e si trova ora in carcere a Vercelli con l’accusa di tentato omicidio. E’ stato sottoposto a ore di interrogatori durante i quali avrebbe giustificato l’azione come un improvviso raptus di follia.  Versione che non regge molto alla realtà dei fatti dell’agguato, che era stato evidentemente messo in conto, se non proprio pianificato nei dettagli.

Leggi anche:  "Ricomincio il lavoro": inserimento professionale per 45 persone

Solo sabato scorso, 2 febbraio, il gip di Vercelli, su richiesta della Procura, aveva emanato a suo carico un “divieto di avvicinamento” a Simona. Non sarebbe però stato notificato perché l’uomo da qualche tempo viveva in auto. Aveva già ben tre denunce alle spalle e anche il divieto di detenere armi. Evidentemente queste misure previste dalle leggi vigenti non bastano a fermare i violenti dai loro propositi ed infatti è in atto un dibattito su quali misure possono essere efficaci per rafforzare la prevenzione.

VAI ALLA HOME PAGE E LEGGI LE ALTRE NOTIZIE