Incendio via Egitto in un alloggio pieno di spazzatura. Nessun danno alle persone ma tanta paura nella notte.

Incendio via Egitto in un alloggio pieno di spazzatura

Il palazzo dell’incendio, secondo piano, visto da via Egitto e dal retro del caseggiato.

La chiamata ai Vigili del Fuoco di Vercelli è arrivata alle ore 3 di sabato 15 settembre. Gli abitanti del caseggiato Atc in via Egitto 77 si erano infatti accorti che da un alloggio disabitato al secondo piano usciva fumo. Sul posto sono subito intervenute due squadre di Vigili del Fuoco che hanno completato le operazioni di spegnimento in due ore, chiudendo l’intervento intorno alle 5 di mattina.

Dettaglio delle masserizie accatastate.

Le fiamme sarebbero partite dal balcone, ingombro di masserizie, per poi divampare all’interno che era anch’esso una vera e propria discarica. Al momento non risultano ci siano degli sfollati, ma sarebbero previsti accertamenti per verificare l’abitabilità. Sull’episodio stanno svolgendo indagini anche la Questura. Circa le cause al momento non sono emerse ipotesi specifiche. Nessuna persona è rimasta intossicata dal fumo.

Un’area degradata e soggetta al rischio incendio

Alcune immagini emblematiche.

L’area di via Egitto non è nuova ad episodi di questo genere, innescati sempre da cumuli di sporcizia nelle cantine ed in altre pertinenze. L’isolato dopo il palazzo dell’incendio è quello con la classica discarica a lato strada (ora hanno scavato persino un buco per farci stare più cose e a lato fa bella mostra di sé un camion con la motrice bruciata. Nei garage s’intravedono rifiuti vari e l’aspetto di alcune case è davvero fatiscente.

Leggi anche:  Arrestato il ladro della palestra Move

Leggi anche: VERCELLI: Via Egitto fra rifiuti e bici rubate

VERCELLI: incendio in via Egitto, al rione Isola

Ancora fuori casa 4 famiglie di via Dante

Questo è il secondo incendio in case popolari Atc della settimana. Lunedì a bruciare erano state le cantine delle case popolari di via Dante. In questo caso ci sono tuttora due famiglie sistemate in alloggi procurati dai Servizi Sociali del Comune, mentre altre due famiglie si sono sistemate in altro modo. Dovranno restare fuori dalle loro case ancora qualche giorno perché dovranno essere ripristinati i contatori dell’elettricità.

VAI ALLA HOME PAGE E LEGGI LE ALTRE NOTIZIE