Falange amputata alla neonata, il risarcimento non basta. I fatti risalgono al 2016. La cifra dell’accordo ritenuta insufficiente dal giudice tutelare.

Falange amputata alla neonata, il risarcimento non basta

Transazione di denaro per risarcimento danno bocciata dal giudice tutelare. La vicenda risale al 28 maggio 2016 quando, a una neonata, era stata tagliata una falange al nido dell’ospedale Santi Antonio e Biagio di Alessandria. Come riporta il giornaledialessandria.it, la piccola aveva necessità di una terapia a base di glucosio. Per effettuarla si era resa necessaria la somministrazione della sostanza con ago cannula, inserito nella vena mediante una fasciatura con cerotti. L’operazione di rimozione della fasciatura con una forbice aveva causato però l’asportazione di una falange. Era poi fallito, purtroppo, il tentativo di riattacare il dito effettuato al Santa Margherita di Torino.

Il processo penale per l’infermiera e l’operatrice socio-sanitaria è ancora aperto, accusate di lesioni colpose, anche se secondo il perito si è trattato di imprudenza.

Leggi anche:  Uomo investito in viale Garibaldi

Trattativa per il risarcimento

La trattativa lunga e laboriosa per il risarcimento è poi iniziata tra famiglia e azienda ospedaliera, ma l’impossibilità di trovare un accordo, aveva fatto passare il tutto nelle mani di un perito, voluto dal giudice civile al fine di stabilire l’entità. Quando poi le parti avevano raggiunto un’intesa sulla base di 21mila euro e ritiro della querela con conseguente chiusura del processo penale, il giudice tutelare si è opposto. Tutto da rifare quindi dal punto di vista civilistico.La prossima udienza del processo penale è intanto è fissata per il prossimo 26 settembre 2019.

VAI ALLA HOME PAGE E LEGGI LE ALTRE NOTIZIE