Bassa in ginocchio: dopo i danni le multe Spresal. Cantieri privi di sicurezza, sanzioni fino a 8.000 euro.

Bassa in ginocchio: dopo i danni le multe Spresal

Oltre ai danni della grandine arrivano le mazzate dello Spresal, a pagare fino a 8.000 euro di multa in quel di Asigliano, ad esempio, sono state le ditte edili che in questi giorni lavorano a pieno regime per riparare i danni ai tetti delle abitazioni. Cantieri tirati su in fretta e che in molti casi non presentano i requisiti di legge per la sicurezza. Il problema maggiore è che senza aver saldato le sanzioni, e rispettate le prescrizioni i lavori non possono continuare.

I cantieri vengono ispezionati e se non sono più che a posto scattano le sanzioni.

La nota dell’Asl Vc

L’Asl Vc (da cui lo Spresal dipende) non fa sconti ed evidenzia le gravissime infrazioni riscontrate che mettono a rischio la vita dei lavoratori.

“In relazione agli interventi effettuati in queste ore dallo SPRESAL (Servizio Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro) nelle zone interessate dagli eventi atmosferici del 6 luglio, l’Asl di Vercelli precisa che in molti casi – durante i lavori di rifacimento dei tetti – sono stati riscontrati comportamenti irregolari contrari ad ogni norma di legge.
Siamo consapevoli dei disagi che la grandine dei giorni scorsi ha provocato e anche delle necessità che le famiglie e le aziende hanno di riparare al più presto i danni. Tuttavia – da quanto rilevato durante gli interventi – sono emerse modalità di azione fortemente contrarie ad ogni principio di sicurezza, con comportamenti pericolosi per i cittadini e per i lavoratori. In alcuni casi sono state notate le persone sui tetti con assenza totale di ponteggi e senza alcun presidio di protezione. Qualsiasi necessità impellente non può prescindere dall’adozione e dal rispetto di norme di legge volte ad assicurare l’esecuzione di lavori in sicurezza per evitare incidenti che potrebbe avere conseguenze drammatiche. Come Asl il nostro dovere è quello di tutelare la salute e l’incolumità dei cittadini.
Di seguito diffondiamo una informativa tecnica che illustra alcuni dei principali obblighi dei committenti nei cantieri edili”.

SCARICA IL DOCUMENTO CON LE PRINCIPALI DISPOSIZIONI SUI CANTIERI

Leggi anche:  Finisce contro un muro con l'auto

Controlli capillari in atto

Ad annunciare la pioggia di multe è stata il sindaco di Asigliano Carolina Ferraris che sulla sua pagina Facebook ha scritto: “la popolazione ci informa che in queste ore gli ispettori Spresal di Vercelli, in modo capillare, stanno eseguendo controlli a tutti i cantieri di Asigliano. Le più ricorrenti contestazioni, con multe fino ad € 8.000, mettono in evidenza l’assenza della figura del Coordinatore della Sicurezza. In qualità di primo cittadino mi sento in dovere di evidenziare come il paese stia vivendo un evento calamitoso che ha danneggiato tutti i tetti delle residenze. Molte persone hanno l’acqua che entra in casa…

“Lo Spresal deve essere più comprensivo”

“Non è nostra intenzione frenare l’operato di nessuno ma vogliamo solamente sensibilizzare gli ispettori ad un’analisi ampia del sistema organizzativo cantieristico, trattandosi di un’emergenza. È sicuramente importante ridurre al minimo il rischio infortunio con particolare attenzione alla caduta dall’alto. Nello stesso modo è però necessario collaborare tutti insieme. Magari definendo una fase preliminare con un richiamo scritto senza sanzione. Il nostro è un appello pubblico. Siamo stati duramente colpiti da una calamità senza precedenti”.

VAI ALLA HOME PAGE E LEGGI LE ALTRE NOTIZIE