Aravecchia in lutto per la morte di Haruyo Takada. Era venuta dal Giappone in Italia fermandosi poi nella comunità di don Luigi.

Aravecchia in lutto per la morte di Haruyo

Haruyo Takada era venuta in Italia dal Giappone per perfezionarsi nel Bel Canto, lei era una Soprano che i vercellesi hanno potuto ascoltare negli anni in occasione delle iniziative dell’Aravecchia e dei “Raggi di sole”.

Era stata Suor Rosalia Morello a introdurla nella comunità dell’Aravecchia, negli anni in cui don Luigi Longhi era ancora in vita. Il mitico sacerdote l’aveva accolta nella sua comunità dove poi Haruyo aveva compiuto il suo cammino di conversione al cristianesimo, ricevendo il battesimo in una solenne messa pasquale.

Notizia Oggi Vercelli l’aveva intervistata anni fa e ancora più recentemente in occasione del terremoto e tsunami che colpì il Giappone.

Stimata e apprezzata da tutti

Una persona fine, minuta molto altruista e attiva come volontaria nella comunità fondata da Don Luigi dove era rimasta, avendovi trovato accoglienza e stima da parte di tutti. Per la sua preparazione musicale accompagnava il coro parrocchiale, suonando il pianoforte. Ma negli anni è stata disponibile per le necessità della parrocchia e della comunità.

Leggi anche:  Vettura finisce nel campo sulla Sp11

Si è spenta all’età di  57 anni, lasciando nel dolore familiari, amici e un’intera comunità di fedeli.

Oggi, mercoledì 15 maggio alle ore 17, alla camere mortuarie dell’ospedale nelle camere ardenti,  il Rosario.

Le esequie

Il funerale sarà giovedì alle 11,30 nella chiesa dell’Aravecchia. Riposerà nel cimitero di Billiemme nella cappella che fu donata a don Luigi ed in cui riposano molti dei ragazzi e delle persone che avevano fatto parte della “famiglia” di don Luigi, una famiglia che oggi piange una cara persona, mite, generosa e sempre pronta a fare del bene o allietare con il canto celebrazioni e festeggiamenti.

VAI ALLA HOME PAGE E LEGGI LE ALTRE NOTIZIE