Carisio: sotto sequestro area comunale. E’ vicino al municipio, pensata per l’ampliamento della piazza Falcone.

Carisio: sotto sequestro area comunale

Nei giorni scorsi la Polizia Ecologica provinciale ha messo sotto sequestro a Carisio l’area che era finalizzata all’ampliamento di Piazza Falcone, situata vicino al municipio. La zona “incriminata” è stata recintata e sono stati affissi i cartelli “sotto sequestro”. Ricordiamo la storia di quest’area che il Comune ha deciso di utilizzare per ampliare piazza Falcone. Frutto del lascito di una signora, con cui l’aveva donato al Fai (Fondo Ambiente Italiano) compresa la sua abitazione. Successivamente il Fai aveva ceduto il terreno all’amministrazione comunale del paese guidata dal primo cittadino Pietro Pasquino.

I rifiuti

Sono poi iniziati i lavori. E’ stata infatti abbattuta la cinta di recinzione e il materiale non è stato portato via. Coglie l’occasione per spiegare la questione il primo cittadino del paese: «Il materiale del muretto l’avremmo usato per compensare il dislivello di circa cinquanta centimetri. Oltre a quello della cinta di recinzione avremmo aggiunto altro materiale». E aggiunge: «ignoti hanno depositato delle piastrelle bianche rotte». Infine il Sindaco aggiunge: «qualcuno ha avvisato la Polizia Ecologica Provinciale che ha messo sotto sequestro l’area. Dopo che l’area sarà dissequestrata dovremmo a nostre spese provvedere a rimuovere tutto il materiale in quanto si tratta di rifiuto».