“Shake!”: festival del teatro con le compagnie vercellesi.

“Shake!”: festival teatrale

Mettere insieme tutte (o quasi) le compagnie teatrali vercellesi è stata un’impresa non da poco. Ci sono riusciti Officina teatrale Anacoleti e l’assessore Daniela Mortara nel tessere «Shake!» la prima rassegna teatrale delle Compagnie Vercellesi. Organizzata appunto da «Anacoleti» insieme al Comune di Vercelli e con il fondamentale sostegno di Fondazione Crv. La rassegna si terrà dal 16 maggio all’8 giugno, principalmente nel loggiato di San Pietro Martire, ma non solo, perché è previsto persino un lavoro da fruire in auto… girando per la città. «Vedendo il successo ottenuto dagli spettacoli nel cortile del Museo Borgogna – ha spiegato Daniela Mortara alla presentazione – ho condiviso con Anacoleti l’idea di una rassegna di teatro diffuso all’aperto che potesse valorizzare produzioni e compagnie vercellesi. Loro sono stati molto bravi poi a mettere insieme tutte le compagnie su di un progetto affascinante e che penso sia esportabile. Per i fondi in parte sono comunali ma qui ci è venuta in aiuto come sempre Fondazione Crv a cui va il mio grazie».

Nell’ombra di Shakespeare

«Shake!». Una sola parola che unisce tre elementi: Shakespeare come background drammaturgico a cui ispirarsi, mescolare, come nei cocktails, gusti, sensibilità ed esperienze diverse, ed infine agitare, nel senso di «dare una scossa alla città» andando fuori dai teatri, in altri luoghi, per intercettare un pubblico nuovo, possibilmente con tanti giovani che possano innamorarsi del teatro. Questo grosso modo l’impianto generale illustrato da Sandro Gino, Alessandro Castigliano e Renato Fusaro che hanno costruito il progetto che appare veramente coerente, affascinante e di alto livello. La partecipazione agli spettacoli è gratuita ma gli organizzatori hanno rivolto l’appello ad utilizzare la piattaforma di crow funding www.produzionidalbasso.com cercando “shake prima” per donare anche cifre molto modeste ma utili per il sostegno all’iniziativa.

Il programma

Il primo spettacolo sarà giovedì 16 maggio alle ore 21 (S. Pietro) con «La grande notte», produzione di Anacoleti, creata, come tutte le altre, appositamente per questo progetto. Uno spettacolo che metterà insieme un po’ tutte le invenzioni del grande drammaturgo inglese, riviste e attualizzate.

Leggi anche:  Confagricoltura Vercelli: "Dopo il maltempo occorre ricostruzione veloce"

Venerdì 17 maggio alle ore 17 (sempre ore 21) sarà la volta di Laura Berardi, Licia di Pillo con Giuseppe Sabatino e il «Trio Archi Vallotti» che proporranno «Shakespeare fondente noir» un reading con i passi più crudeli e orrorifici della sua produzione.

Domenica 19 maggio alle ore 18 al centro dell’attenzione saranno «I Camalli» dell’associazione «II Porto» a rappresentare «WSGH William Shakespeare’s Greatest Hits», come dice il titolo un’antologia di brani, con una chiave di lettura divertente e brillante.

Giovedì 23 maggio (ore 21) sarà la volta del laboratorio di teatro di «Diapsi» con «Grazie Sir William». Uno spettacolo costruito sul mito di Giulietta e Romeo e sull’amore e i suoi conflitti, con una buona dose di ironia.

Venerdì 24 e sabato 25 ci sarà lo spettacolo più originale. Viene proposto da «Progetto Outlier», si intitola «L’ordine delle cose» e non vedrà attori in scena… Infatti lo spettacolo si terrà a bordo di 8 vetture (ognuna con 4 passeggeri) che gireranno per la città mentre la drammaturgia verrà “erogata” dall’autoradio, sul tema del tempo e di come viene “abitato”. In questo caso è obbligatoria la prenotazione perché i posti sono limitati, anche se la compagnia cercherà di aumentare il numero delle repliche. Punto di raccolta il cortile di San Pietro Martire.

Si prosegue domenica 26 maggio (ore 21/21,30) con «Fools». La rappresentazione di «Tam Tam Teatro» avverrà principalmente nell’area della piazza ex ospedale, verterà sulla figura del buffone e del giullare e vedrà in azione i giovani della compagnia.

Chiusura della rassegna in un luogo diverso la «Casa d’arte Viadeimercati», sabato 8 giugno alle ore 21 Max Bottino e Antonio Maria Porretti presentano: «Waves/01/King Lear – Tragedia incompiuta per due corpi e una stanza». Un lavoro autonomo che parte dalla tragedia shakespeariana. Nello spazio anche un’installazione di Max Bottino.

Tutti gli spettacoli sono a ingresso gratuito. Per informazioni e prenotazione dei posti per Progetto Outlier: 335-5750907 / 0161.58117.