Servizio di logopedia dell’Asl di Vercelli: dalla Regione si annuncia un potenziamento.

Servizio di logopedia a Vercelli

L’Asl di Vercelli sta procedendo al rafforzamento del servizio di logopedia e alla riduzione delle liste d’attesa. Lo ha annunciato oggi pomeriggio l’assessore regionale alla Sanità Antonio Saitta rispondendo a un’interrogazione in Consiglio regionale. «È già in corso la procedura per l’assunzione di nuovo personale – ha precisato l’assessore Saitta -per potenziare anche le ore di assistenza e rispondere al meglio alle sempre crescenti esigenze terapeutiche, aumentando l’offerta di servizi alle famiglie e ai piccoli pazienti».

La situazione attuale

Già attualmente la presa in carico avviene in base al livello di gravità, attraverso un percorso che prevede una valutazione da parte di tre professionisti. A valutare l’eventuale necessità di una visita da parte del neuropsichiatra infantile è il pediatra di libera scelta. Tale visita non ha lista d’attesa e viene effettuata al massimo nell’arco di 15 giorni. Spetta poi al neuropsichiatria infantile il compito di fare la diagnosi, definendo il livello di gravità e prescrivendo l’eventuale valutazione del logopedista.

Leggi anche:  Evento Pd: l'ex ministro Minniti a Vercelli

Per i bambini

«In sostanza – precisano da Torino – nessun bambino che ha necessità di un trattamento tempestivo resta a lungo in lista d’attesa. Oltretutto, grazie al progetto regionale autismo, già dallo scorso anno presso l’Asl di Vercelli è attiva una logopedista dedicata ai bambini con tale patologia, il cui percorso di cura avviene direttamente, senza alcun passaggio dal Cup».