Risarcimento Sacal: il Comune di Carisio, in consiglio, ha approvato il provvedimento.

Risarcimento Sacal il sì

E’ ufficiale: l’amministrazione comunale di Carisio, guidata dal primo cittadino Pietro Pasquino, ha deciso di accettare i 75.661 euro di risarcimento da parte di Sacal. Lo ha annunciato lo stesso sindaco martedì scorso in consiglio comunale. Era infatti previsto un solo punto all’ordine del giorno ovvero l’atto di indirizzo relativamente alla disponibilità ad accettare quanto proposto dalla ditta Sacal Spa a titolo di risarcimento danni a favore del comune di Carisio. La cifra come detto è di 75.661 euro.

Le cifre

A spiegare la questione nei dettagli è lo stesso primo cittadino del paese. «Nel consiglio comunale – sottolinea – di martedì 31 luglio abbiamo deciso di accettare quanto offerro da parte di Sacal, come risarcimento morale per i danni ambientali procurati dall’azienda (30mila euro), 20.661 euro invece come rimborso per le spese documentate sostenute dal comune ed infine  25mila euro per le spese legali».

Leggi anche:  Punto nascite Borgosesia: la replica dell'Asl

La minoranza

Con la decisione di accettare la cifra di 75.661 da parte dell’amministrazione comunale carisina si mette la parola fine a questa annosa questione che si protrae da anni. In relazione a questo unico punto del consiglio comunale il gruppo consigliare di minoranza si è astenuto. La motivazione dell’astensione da parte della minoranza è legata per lo più al fatto che i consiglieri non sarebbero venuti a conoscenza dei risvolti della questione Sacal se non durante i consigli comunali.