Un progetto per combattere la violenza di genere promosso dalla consigliera di Parità della Provincia di Vercelli e dedicato a Simona Rocca e Fiorilena Ronco, vittime della furia dei loro carnefici.

Un progetto nel nome di Simona Rocca e Fiorilena Ronco

Due donne accomunate da un atroce destino: essere vittime designate della violenza cieca dei loro carnefici. Ferite nel corpo e nell’anima dalla cattiveria che la Legge non ha saputo arginare per mancanza di mezzi. Il progetto della consigliera di Parità della Provincia di Vercelli, Lella Bassignana, e finanziato dal Dipartimento delle Pari Opportunità, coinvoge 200 studenti e 40 insegnanti degli istituti di istruzione superiore Ferraris, Cavour, Lombardi e Pastore e prima della tremenda aggressione di lunedì scorso era intitolato What women want: respect us: “quello che le donne chiedono è rispetto”. Viene svolto con la collaborazione dell’Università Popolare e dell’Associazione 12 Dicembre.

Studenti e insegnanti seguiranno un percorso formativo non frontale ma attraverso workshop con esperi psicologi e avvocati allo scopo di far scaturire dai ragazzi una reazione e spingerli al dialogo indicando strumenti per sottrarsi alla violenza di genere: tra questi anche un corso di krav-maga (tecnica di difesa personale importata da Israele) tenuto dall’associazione International Krav-Maga Institute. Il progetto avrà come punto di partenza il cortometraggio di Matteo Bellizzi dal titolo “Alla pari contro la violenza”.

Leggi anche:  Farmaci anticolesterolo: occhio ai ritiri dell'Aifa

Su Notizia Oggi Vercelli di lunedì 11 febbraio ulteriori approfondimenti sul progetto