Nobile dei laghi: il vercellese Manuel Lucchini conquista il titolo dopo nove traversate.

Nobile dei laghi

Manuel Lucchini, vercellese classe 1983, è sicuramente uno sportivo da primato. Basti pensare che è specialista nel triathlon e si è cimentato nell’Iron man, una specialità che mette in fila, senza pause, 3,8 chilometri di nuoto, 180 di bicicletta e poi… la maratona. Non bastasse, Lucchini nell’ultima stagione ha meritato il prestigioso riconoscimento di «Nobile dei laghi» 2018 per aver partecipato a nove traversate a nuoto dei laghi di Como, Garda, Iseo, Lugano, Maggiore, Mergozzo, Orta e Viverone. Per inciso, le nove traversate sono state effettuate tutte in due mesi e mezzo, tra giugno e i primi di settembre.

Le traversate

Siamo nell’estate 2018. Prima traversata il 24 giugno a Omegna sul lago d’Orta lungo la «Antica via del Legname»: due chilometri percorsi in 36 minuti e 24 secondi per una ragguardevole 32ª posizione finale. Tre settimane dopo, il 15 luglio, trasferta a Mergozzo per la traversata dell’omonimo lago: 2,3 chilometri in 38 minuti e 3 secondi. Il 28 luglio Lucchini era a Verbania per «La fenice dei laghi» sul Maggiore: 3,8 chilometri percorsi in 59 minuti e 5 secondi (40ª posizione). Il 4 agosto, puntata a Viverone per la traversata del lago: 3,8 chilometri percorsi in un’ora, dieci minuti e tre secondi.

Leggi anche:  Crescentino: multa da 300 euro per chi getta i mozziconi di sigaretta a terra

In Svizzera

Nove giorni più tardi, nuova trasferta syul lago d’Orta per la nuotata attorno all’isola di San Giulio con appendice «sotto le stelle» e due ragguardevoli tempi. Dopo soli sei giorni di riposo, Lucchini è andato a Lugano in Svizzera per la traversata dell’omonimo lago:2,5 chilometri percorsi in 44 primi e 34 secondi. Il 26 agosto è stata la volta del Lago d’Iseo (provincia di Brescia) attraversato in 53 primi e 19 secondi. Ultima tappa di questo straordinario percorso da primato, il 2 settembre 2018 sul Lago Maggiore per la Arona-Angera-Arona: 2,4 chilometri percorsi in 43 minuti e undici secondi per un ottimo 79° posto finale.