Maschere Greggio gli interpreti sono due fratelli di origini indiana e polacca.

Maschere Greggio i due fratelli

Greggio quest’anno avrà due maschere con origini indiane e polacche. A ricoprire il ruolo di Spus e Spusa saranno infatti Assha Singh e Darek Singh. Si tratta di due giovani fratelli di 18 e 15 anni che hanno deciso di accettare di ricoprire i panni del “re” e della “regina” del paese. Il loro nome evoca una storia di famiglia che parte da paesi lontani dall’Italia. «La nostra mamma è polacca mentre il nostro papà è indiano – racconta Assha – noi siamo nati in Italia  e insieme ai nostri familiari abitiamo a Greggio».

Appassionati di Carnevale

Ricoprire il ruolo di maschera significa rappresentare per un certo periodo dell’anno il proprio paese. «Appena mi hanno proposto di indossare i panni della Spusa ho subito accettato. Mi ero già divertita l’anno scorso quando ero coscritta, non vedo l’ora che cominci questo carnevale. Quando ho chiesto a mio fratello se aveva piacere di diventare lo Spus ha accolto con piacere l’incarico – spiega la 18enne -. Per me il carnevale è divertimento, allegria ma non solo. Indossare i panni del paese significa rappresentarlo anche solo per questo periodo dell’anno». Quando non indossano i panni da maschere i due fratelli sono impegnati nello studio. «Al di fuori del tempo carnevalesco mio fratello frequenta il primo anno delle superiori mentre io ho concluso il mio percorso all’alberghiero di Gattinara. – Prosegue la giovane – Attualmente sto studiando per prendere la patente, a seguire andrò a cercare un lavoro».

Leggi anche:  PIANO STRATEGICO | il più grosso mistero della Giunta Forte

I coscritti e gli appuntamenti

Oltre alle maschere, protagonisti della manifestazione saranno i coscritti che quest’anno sono cinque ma solo Sara Guida ha deciso di scendere in campo per portare avanti la tradizione. Ad aiutare nell’organizzazione della fagiolata, della questua degli ingredienti e delle cene sarà la pro loco e il Comune offrirà il suo patrocinio. La consegna delle chiavi dunque sarà venerdì 9 febbraio alle 19 in municipio con maschere e la coscritta. Sabato 10 ci sarà la questua e alla sera una cena al salone polifunzionale.  Domenica si prepareranno i calderoni per la fagiolata che verrà distribuita lunedì. In quest’ultima giornata Spus e Spusa accoglieranno la Bela Majin e il Bicciolano di Vercelli. E alla sera la tradizionale cena di fine carnevale.