L’arte che cura all’ospedale Sant’Andrea. Attivo un laboratorio creativo per i ricoverati nel reparto di Psichiatria.

L’arte che cura all’ospedale Sant’Andrea

Creare forme e colori, esprimendo sentimenti profondi, aiuta a guardare la vita da un’altra prospettiva e a guardare meglio dentro di sé, trovando risorse e valori che illuminano la strada per uscire da una profonda depressione o dal disagio psichico. L’arte-terapia è attiva presso il reparto di psichiatria dell’Ospedale “S. Andrea” di Vercelli, con laboratori tutti i giovedì, dalle 14 alle 16:30, rivolto ai pazienti ricoverati.

“Un laboratorio pensato come uno spazio di libertà a cui può accedere chi lo desidera e che al tempo stesso diviene un luogo in cui medici e infermieri hanno comunque modo di ascoltare i pazienti cogliendone le emotività. Emotività che spesso trovano forma in uno schizzo fatto a matita o in un arcobaleno di colori tinteggiato con la tempera. A condurre questo laboratorio è Silvia Castaldi, educatrice professionale del centro diurno di Borgosesia, esperta in arteterapia.

“Questa disciplina all’interno dei centri diurni – spiega la responsabile dell’SPDC (Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura) Silvia Ferraris – è già da tempo consolidata e consente agli ospiti di svilupparla con una certa continuità. La volontà di introdurre questa attività all’interno del reparto nasce dalla consapevolezza che anche nella gestione del paziente più acuto, tale forma espressiva – per quanto praticabile per un tempo inferiore – possa comunque contribuire a favorire una espressione delle proprie emozioni che così non sono più represse e ciò può generare un beneficio per i nostri pazienti”.

VAI ALLA HOME PAGE E LEGGI LE ALTRE NOTIZIE