Laboratorio Diapsi: video e foto dell’inaugurazione. Una vera festa nella sede di San Pietro Martire lo scorso sabato 23 giugno.

Laboratorio Diapsi: video e foto dell’inaugurazione

L’inaugurazione del laboratorio di sartoria di Diapsi Vercelli nella nuova sede di San Pietro Martire è stata una festa non solo per l’associazione ma anche per una città che in fatto di sociale ha sicuramente prodotto delle valide realtà.

Più che la cronaca, che risale a sabato 23 giugno, conta il documento “storico” con tutto l’intervento della presidente di Diapsi Vercelli Lorena Chinaglia.

Il lancio di “Brein”

L’inaugurazione è stata l’occasione per il lancio ufficiale del brand “Brein”.  Sta per cervello in inglese, scritto come si pronuncia per ribadire l’originalità creativa. Il motto è: “A Chance for mental Health” (una possibilità per la salute mentale). La scelta della lingua inglese sta nel non porsi più confini nella diffusione del marchio e del lavoro che ci sta dietro.
Il laboratorio Diapsi è stato “battezzato” con la presenza di diversi esponenti dell’amministrazione comunale, del rappresentante del Ctv, per l’arcidiocesi Monsignor Giuseppe Cavallone e soprattutto gli amici di Diapsi.
«Sono passati circa dieci anni da quanto abbiamo cominciato a cucire le prime borse alla sede del Csv, tirando le macchine da cucire dentro e fuori dagli armadi», come ha ricordato la presidente dell’associazione Lorena Chinaglia. Per il Comune di Vercelli presenti gli assessori Andrea Raineri, Mario Cometti, Michele Cressano e Daniela Mortara e tanti che negli anni hanno aiutato, come l’ex assessore Ketty Politi. I locali sono stati benedetti da Mons. Giuseppe Cavallone. In azione tutti i volontari dell’associazione, offerto un mega rinfresco e animazione con il Dj trinese Boris Vallo.
E’ stato un bel pomeriggio di festa con qualche passaggio di commozione.

Leggi anche:  Salute sul web: i vercellesi si informano su internet

Se vi capita andate a vedere con i vostri occhi la qualità dell’offerta, resterete a bocca aperta.

La prima macchina da cucire e le prime CoffeBag prodotte nel 2010

Alcuni momenti dell’inaugurazione.

Istituzioni, Fondazioni e bar di Vercelli: l’armata del bene

Infine pubblichiamo l’elenco dei benefattori che in questi anni hanno aiutato e aiutano Diapsi a portare avanti un compito non facile. Sono tanti ma è giusto dare loro visibilità.

Per la parte istituzionale e le Fondazioni bancarie: Comune e Provincia di Vercelli, Asl VC, Centro Territoriale per il Volontariato, Centro per l’Impiego Vercelli, Consorzio Cisas, Formater, Coverfop, Fondazione Cassa di Risparmio di Vercelli, Fondazione Cassa di Risparmio di Torino, Banca d’Italia, Chiesa Valdese.

I bar cittadini che donano fin dall’inizio del progetto (8 anni fa!) le confezioni usate del caffè: Bistrot, Nazionale, L’Angolo, Pizzeria Teatro 26, Happy Bar, Tabaccheria di Fabio e Pamela, Pasticceria Mongini, Baracchetta, Atlantis, Caffè Bistrot, Trastevere, Caffè Borsa, Caffè Mercato, Golden 67, Miscela Araba, Bar 0161, Sant’Andrea, Valentine, Marchesi, Pizzeria Piedigrotta, Cin Cin Bar, Chocolate, Taverna, Pagni, Duomo, Little House, Original. A questi si aggiungono la Torrefazione Rojto (che fornisce i sacchi di juta), Torrefazione Vero Caffè di Vicenza, che dona la parte finale dei rotoli di carta da caffè.