Il Mandala di riso debutta da Amazon. Azione a sfondo benefico pro Cascina Bargè insieme alla 3D Turismo dell’Istituto Cavour”.

Il Mandala di riso debutta da Amazon

Il “Mandala di riso” è un’eccellenza tutta vercellese. E’ stata introdotta da Livio Bourbon già qualche tempo fa ed ora ha visto un’inedita declinazione bicromatica, bianco e nero, presso il centro logistico di Vercelli del colosso dell’E-commerce. La rottura di riso utilizzata è stata donata al centro diurno comunale di Cascina Bargè, beneficiato anche dalla donazione di vario materiale tra cui un video-proiettore e un calciobalilla!

Amazon Vercelli si conferma così ancora una volta vicina alla comunità vercellese e sensibile alla solidarietà

Riso bianco e nero

La “perfomance” è avvenuta nel pomeriggio di mercoledì 20 marzo, presso il centro di distribuzione Amazon di Vercelli, i dipendenti hanno preso parte alla realizzazione di un mandala attraverso la tecnica della rottura di riso bianco e nero.

L’iniziativa è stata organizzata in collaborazione con il centro culturale “Mandala Experience” di Vercelli che sviluppa eventi di team building per aziende, progetti didattico esperienziali per scuole e animazione di eventi pubblici e privati.

In azione anche gli studenti del Cavour

Il progetto ha visto inoltre il coinvolgimento di trenta studenti della classe 3D Turistico dell’Istituto superiore Cavour di Vercelli, i quali hanno effettuato un tour del centro di distribuzione e, nell’occasione, hanno affiancato i dipendenti dello stabilimento nella realizzazione del mandala di riso. Gli studenti hanno partecipato all’iniziativa nell’ambito del programma di alternanza scuola lavoro impegnandosi in qualità di tutor per guidare i dipendenti di Amazon nella creazione del mandala.

Avvicinare culture diverse

L’obiettivo dell’iniziativa era quello di realizzare un’opera in grado di avvicinare due culture lontane – quella orientale e quella locale – attraverso una materia prima comune ad entrambe le tradizioni e quindi promuovere i valori di semplicità, collaborazione e rispetto che l’azienda condivide. Per il personale del centro di distribuzione di Vercelli è stata infatti un’occasione per rafforzare lo spirito di squadra coinvolgendosi in un progetto diverso dalle mansioni quotidianamente svolte nello stabilimento.

Leggi anche:  Cosmetici americani ritirati, destinati anche al mercato italiano

Ogni partecipante ha ricoperto un ruolo specifico nell’impresa, contribuendo con la propria creatività alla realizzazione del disegno finale.

Il professor Ernesto Raisaro, che ha accompagnato gli studenti dell’Istituto Cavour insieme ai colleghi Luigi Geddo ed Eugenio Nudo, ha sottolineato come la partecipazione a tale iniziativa ha rappresentato “un’opportunità unica di scambio di culture e competenze che ha sicuramente
arricchito sia i miei studenti sia i dipendenti dello stabilimento”.

Il mandala è stato realizzato nella mensa del centro di distribuzione Amazon di Vercelli – capitale europea del riso – per una superficie totale di 36 m2

Un airone solidale

Il disegno raffigurava un airone, animale presente nel logo dell’azienda. Il riso bianco e nero sono stati offerti rispettivamente da Mundi Riso, e Sa.Pi.Se e Riseria Greppi di Tronzano. L’azienda Fiorio Colori ha invece offerto i pigmenti naturali alimentari con i quali è stata tinta la rottura di riso.

A seguito della dissoluzione del Mandala, tutta la rottura di riso è stata recuperata e riciclata quale mangime per gli animali allevati a Cascina Bargè. Al centro diurno comunale per disabili inoltre, su indicazione del comitato Amazon nella Comunità, l’azienda ha effettuato una donazione tramite Wishlist su Amazon.it, che includeva un video proiettore e un calcio balilla.

Ogni anno Amazon realizza numerose iniziative e donazioni a sostegno delle comunità in cui risiedono e vivono dipendenti e clienti. Attraverso l’operato del comitato Amazon nella Comunità, l’azienda è stata in grado di prendere parte attivamente alla vita delle comunità locali, supportando cause e organizzazioni meritevoli, tra le quali figurano case di accoglienza per donne vittime di violenza e comunità educative per minori, rifugi per animali abbandonati e enti per la ricerca e l’assistenza medica.

VAI ALLA HOME PAGE E LEGGI LE ALTRE  NOTIZIE