A seguito di un controllo è stato rilevato che le “Spinacine” di AIA potrebbero contenere dei frammenti di plastica bianchi. Per tale ragione l’azienda Aia SpA comunica la decisione del richiamo Spinacine Aia a scopo precauzionale per possibile presenza di frammenti di plastica in due lotti di confezioni del prodotto panato.

Lotto ritirato: fate attenzione

Il richiamo riguarda le Spinacine da 220 a 440 grammi AIA, lotto 07258020 (minima di conservabilità 8 giugno 2019).

Il prodotto è in vendita in tutte le filiali della Toscana ma potrebbe essere arrivato anche in altre regioni.

Frammenti di plastica nelle “Spinacine”

Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, raccomanda a tutti i clienti di non consumare più il prodotto interessato. Non si possono escludere rischi per la salute in caso di ingestione (pericolo soffocamento). I clienti che hanno a casa il prodotto interessato possono riportarlo alla loro filiale COOP, dove verrà loro rimborsato il prezzo di vendita. AIA si scusa con i propri clienti e consumatori per qualsiasi inconveniente causato da questo richiamo volontario. In caso di ulteriori necessità i consumatori possono contattare il Numero Verde 800.501.509 o scrivere a servizio.clienti@aia-spa.it

Anche i Bigger XXL

Con un avviso sul suo sito internet, Aia, oggi ha richiamato volontariamente oltre le “Spinacine” anche i prodotti panati Bigger XXL per la possibile presenza di frammenti di plastica bianca, che l’azienda ha riscontrato in autocontrollo. Sono interessate le confezioni di Bigger XXL da 280 grammi con il numero di lotto 07258011. I prodotti richiamati hanno la data di scadenza 08/06/2019. L’avviso è stato diffuso anche dai supermercati Bennet.

Leggi anche:  Santhià: modifica temporanea della viabilità

Schegge di vetro nell’omogeneizzato

Sempre sul tema dei corpi estranei finiti erroneamente in preparazioni alimentari, proprio ieri la notizia rimbalzata fra Brianza Vimercatese e Meratese riguardante un bambino di sette mesi ricoverato in ospedale dopo aver ingerito schegge di vetro contenute nell’omogeneizzato che i genitori gli stavano dando. Il prodotto è stato sequestrato dai Carabinieri: indagini in corso (seguiranno aggiornamenti).