Ieri mattina, sabato 13 aprile, a Vercelli, in una sala del cinema Italia di Piazza Pajetta, conferenza con tre grandi esperti del settore.

Fake news: diffuse in modo virale con un click

Fake news: diffuse in modo virale con un click. Notizie false di ogni genere. Ieri mattina, sabato 13 aprile, a Vercelli, in una sala del cinema Italia di Piazza Pajetta, conferenza con tre grandi esperti del settore.

Diversi aspetti trattati dagli esperti

Negli ultimi anni il mondo del giornalismo, dell’informazione, e conseguentemente le opinioni dei cittadini si sono trovate di fronte ad un nemico spesso nascosto, ma dalla potenza estremamente pericolosa: le cosiddette “fake news”. Notizie false di ogni genere, legate al panorama politico, giudiziario, economico, sanitario, messe in circolo volontariamente, soprattutto attraverso la rete internet, e diffuse in modo virale con la semplicità di un click. Queste sono in grado di spostare l’opinione pubblica verso posizioni scorrette, perché basate in partenza su dati falsi e manipolati. Le democrazie, i cui principi fondamentali sono da rintracciarsi nella libertà di scelta dei singoli e nell’uguaglianza dei cittadini, necessitano dell’ossigeno dato ai votanti proprio dalla corretta informazione e dalla possibilità di accedervi con facilità, pertanto è semplice da intuire quanto pericolosa per tutti possa essere la diffusione di notizie scorrette, nate per alimentare la paura e la confusione, fenomeni psicosociali che influenzano maggiorente il sentire comune. Su questi temi si sono confrontati sabato mattina a Vercelli, presso una sala del cinema Italia di Piazza Pajetta, tre grandi esperti del settore: Gianluigi Bulsei, professore di Sociologia presso l’Università del Piemonte Orientale, Alex Orlowski fondatore e presidente di Water on Mars e Mauro Voerzio, responsabile della pagina italiana di StopFake. Una conferenza organizzata e fortemente voluta da Federico Bodo, presidente di +Europa Vercelli e candidato sindaco per le prossime elezioni: «Mi sta veramente a cuore che i cittadini siano consapevoli delle trappole che derivano dalla scorretta informazione, che in questi anni ha fatto moltissimi danni in ogni settore e ovunque nel mondo. Conoscere come opera la disinformazione aiuta a combatterla, e combattere la disinformazione significa difendere le democrazie, radici della nostra identità». Nel corso della conferenza, sono stati diversi gli aspetti trattati dagli esperti, ad esempio la differenza tra disinformazione e misinformazione, differenza tra fake news e bufale, propaganda buona e cattiva.

Leggi anche:  Collirio ritirato per difetto di redazione del foglio illustrativo

Le fake news fanno leva sulla paura delle persone

Sono state inoltre indicate quali sono piattaforme su cui le notizie false vengono diffuse e in quali ambiti vengono create le verità alternative, passando dall’analisi di episodi reali appartenenti soprattutto alla situazione politica italiana, alle nuove guerre ibride con riferimento al panorama russo-ucraino, ma anche importanti casi giudiziari compromessi da documenti falsi trovati in rete. Particolare è stato anche l’accento posto sul mondo delle imprese che con l’utilizzo manipolatorio dell’informazione riescono ad incrementare il consumo di particolari prodotti sfavorendo la genuina competizione, a danno del consumatore. «Le fake news hanno l’obiettivo di parlare alla pancia delle persone, facendo leva sulle loro paure per lo scopo di manipolare il loro pensiero a favore delle realtà che le hanno create. E’ vitale riuscire a comprendere tutto ciò, perché la posta in gioco è la libertà di pensiero e di azione».

VAI ALLA HOME PAGE E LEGGI LE ALTRE NOTIZIE