Elisoccorso notturno: primo atterraggio a Trino. Inaugurazione nella serata di venerdì 9 marzo.

Elisoccorso notturno: primo atterraggio a Trino

Nella serata di venerdì 9 marzo è atterrato il primo elicottero nell’area individuata a Trino e attrezzata per il volo notturno dell’elisoccorso. Area che si trova presso il Campo Sportivo Comunale “R. Picco”. Molti i presenti tra cui i volontari della Pat tra i più legati a questo progetto. Sempre ieri un analogo punto è stato inaugurato anche a Chivasso.

Il Piemonte ora conta 93 siti operativi: 23 nella città Metropolitana di Torino e 9  nella provincia di Vercelli: Balocco, Borgosesia, Carisio, Crescentino, Riva Valdobbia, Santhià, Vercelli e ora, appunto, anche  Trino.

Nel solo 2017 sono state aree inaugurate 20 aree, per il servizio che in Piemonte è attivo dal novembre 2014. 105 i voli notturni effettuati nel 2015, 146 nel 2016 e 155 nel 2017.

Come funziona la rete

Il servizio è gestito dal 118 regionale, viene svolto dalla base operativa di Torino, diretta dal dottor Roberto Vacca della Città della Salute: è in estensione su tutto il territorio con particolare attenzione alle zone periferiche e montane del Piemonte, le più difficili da raggiungere.

Leggi anche:  L'informazione locale, un tesoro da scoprire

La disponibilità da parte dei Comuni di aree abilitate per il volo notturno permette di avere una base utilizzabile per il soccorso rapido dei malati, contribuendo a salvare vite umane e a garantire cure tempestive ed efficaci in caso di incidenti o eventi nei quali non è possibile utilizzare altri mezzi di soccorso.

Per il volo notturno i piloti sono due: l’equipe sanitaria è formata, infatti, da un medico anestesista rianimatore ed un infermiere di area critica.

I tempi di volo sono mediamente di 20 minuti: l’operatività e’ subordinata alle condizioni meteorologiche.