Don Pollo sarà ricordato grazie all’interessamento degli Alpini della sezione di Vercelli.

Don Pollo a 76 anni dalla morte

Era la giornata di Santo Stefano del 1941 quando don Secondo Pollo, cappellano degli Alpini, venne ferito a morte in Montenegro. Fu colpito da un proiettile mentre tentava di portare la Comunione a un soldato ferito. Oggi il sacerdote è venerato come beato.

Due appuntamenti a Santo Stefano

La prima cerimonia si terrà martedì 26, alle 11, nella chiesa parrocchiale di Santa Cecilia a Caresanablot. Don Pollo, infatti, era nativo del paese. Officerà la Messa l’arcivescovo, con ostensione della reliquia del cappellano oggi beato. Alle 17,30, invece, in cattedrale a Vercelli, Monsignor Marco Arnolfo presiederà la concelebrazione eucaristica. L’omelia sarà di Bruno Capuano, responsabile dell’Ufficio diocesano di pastorale della salute. Sarà presente il coro San Sereno di Biandrate.

La terza cerimonia

Giovedì 4 gennaio, alle 17, in cattedrale, si terrà un’altra celebrazione eucaristica nella memoria liturgica del beato. Durante i due giorni di celebrazioni, sarà possibile visitare anche la “Casa dei ricordi” di don Secondo Pollo, dalle 15 alle 17.