Il ritrovamento dell’esca è avvenuto a Vercelli durante la passeggiata mattutina di Cristina in compagnia del suo Jack Russel.

Bocconi avvelenati in corso Italia

Bocconi avvelenati in corso Italia. La brutta avventura di Happy. Il ritrovamento dell’esca è avvenuto a Vercelli durante la passeggiata mattutina di Cristina in compagnia del suo Jack Russel.

L’incubo di ogni proprietario di cani

Polpette, involtini di carne o prosciutto contenenti veleno sono l’incubo di ogni proprietario di cani e sono una delle azioni più vili che si possano compiere nei confronti dei nostri amici a quattro zampe: queste esche sono in grado di agire in pochissimi minuti causando una morte dolorosa. Ieri mattina, sabato 18 maggio 2019, la vercellese Cristina Gregorio si è beccata un forte spavento mentre camminava con il suo Jack Russel di nome Happy, una semplice passeggiata che si sarebbe potuta trasformare in una tragedia: “Passeggiavo per corso Italia e ad un certo punto mi sono accorta che Happy aveva in bocca un boccone di carne trita bianca, che penso abbia trovato nascosto tra la ghiaia. Mi sono allarmata e ho agito tempestivamente, mettendo le mani nella gola di Happy per togliergli questo bocconcino. Dopodiché, ho aperto questa polpetta e ho trovato un’esca avvelenata di colore nero. Mi sono molto preoccupata perché se Happy o qualsiasi altro cagnolino l’avesse ingerita a quest’ora sarebbe morto. Tempestivamente ho chiamato i vigili, esortandoli a recarsi nella zona e di fare un controllo”.

Leggi anche:  Danni maltempo: ripristinata la piena funzionalità delle ferrovie

Non ci sono più luoghi sicuri per passeggiare con il proprio cane

Purtroppo, non è la prima volta che a Vercelli succede un episodio simile e sono sempre di meno i luoghi sicuri dove si può portare il proprio cane: “A Vercelli non sappiamo più dove andare con i nostri cani, perché la maggior parte dei posti non sono curati, hanno l’erba altissima e non sappiamo cosa si cela tra essa. Quando si ha un cagnolino bisogna avere la massima attenzione, anche perché i cani sono più ingordi e propensi ad ingerire cibo trovato occasionalmente per strada e se il luogo non è curato è difficile stare attenti e controllare”. Ricordando che lo spargimento di bocconi avvelenati è un reato grave punito dal codice penale, invitiamo tutti i padroni di cani a prestare sempre la massima attenzione anche nelle aree a loro destinate o aree verdi.

VAI ALLA HOME PAGE E LEGGI LE ALTRE NOTIZIE