Appalti pubblici: Santhià firma coi sindacati. Per evitare precarietà e migliorare le condizioni di lavoro.

Appalti pubblici: Santhià firma coi sindacati

Dopo Vercelli e Trino, venerdì 6 aprile scorso è stato sottoscritto tra il Comune di Santhià e le Organizzazioni Sindacali CGIL Vercelli-Valsesia, CISL Piemonte Orientale e UIL Biella-Vercelli un nuovo protocollo d’intesa sugli appalti pubblici, posti in essere nel settore della Pubblica Amministrazione.

L’intesa siglata prevede, tra l’altro, che i Capitolati – in relazione agli appalti sui servizi alla persona – contengano adeguate clausole sociali atte a promuovere la stabilità occupazionale dei lavoratori impiegati, il rispetto delle normative in tema di sicurezza sul lavoro, l’applicazione delle condizioni contrattuali (retributive e normative) in essere, nonché norme per il diritto al lavoro dei disabili e azioni finalizzate al contrasto delle molestie e delle violenze nei luoghi di lavoro, con espressa previsione di clausole di risoluzione azionabili unilateralmente dall’Amministrazione in caso di gravi violazioni.

Del resto, irregolarità contributiva, previdenziale, antinfortunistica e contrattuale sono i quei fenomeni che il Sindacato intende contrastare e spesso presenti nei Capitolati d’Appalto attivati dalle Pubbliche Amministrazioni, uniti a lavoro irregolare, concorrenza sleale e inosservanza della normativa sulla sicurezza sul lavoro.

Leggi anche:  Cellulare alla guida: si studia un "autovelox" speciale

Chiedendo alle Amministrazioni comunali la realizzazione di “Intese”, a tutela del livello di professionalità e sicurezza dei lavoratori che operano nel settore dei pubblici servizi e proponendo di stabilire un rapporto di collaborazione e di condivisione delle informazioni, per rendere più trasparente e più sicuro il lavoro in tutti gli ambiti, il Sindacato si propone di contrastare e combattere radicalmente questi fenomeni.