Anacoleti: appuntamento con un fuori stagione. Venerdì 6 dicembre, alle ore 21, l’Officina aprirà le porte al pubblico a “Qui”.

Anacoleti: appuntamento con un fuori stagione

Sul palco, un letto, due attori e sei personaggi. Tre storie diverse tra loro ma tutte unite inconsapevolmente da un sottile filo, lo stesso che, probabilmente, ci accomuna tutti.
Questa è l’anima di “Qui”, un Corto Teatrale prodotto da Golden Show – Compagnia Effetto Pullman, in
collaborazione con l’Officina Teatrale degli Anacoleti e Spazio Parnaso. Due sconosciuti che hanno passato la notte insieme, una madre che aspetta il figlio e una coppia ormai
alla fine. Ciascuno sta solo, in una stanza, a fare i conti con qualcuno che di questa solitudine vuol farne
parte. Tre quadri, due persone e uno spaccato di vita condivisa, chiusa in una stanza dove le parole hanno il peso di un abbraccio mancato, un bacio dimenticato, l’attesa di un figlio.
“Qui” è un luogo fisico e astratto, un corpo nello spazio, la mente in un altro.
É una definizione vaga: questo “Qui” può essere ovunque, così come le storie dei personaggi sul palco –
seduti sullo stesso letto, ma vicini o lontani non è dato sapere.

Storie e persone di tutti i giorni

Le storie che prendono vita in questo spettacolo non sono vicende straordinarie e i protagonisti non sono
eroi, ma persone che si incontrano ogni giorno su un autobus, a lavoro, al supermercato – sono gli altri e,
al contempo, siamo noi: ritratti in una stanza alla ricerca di risposte che forse non arriveranno, sopraffatti da domande che la vita ci pone improvvisamente, in un momento in cui pensavamo di sapere tutto, e in cui ci rendiamo conto di non sapere niente.
“Qui” diventa un labirinto in cui ci si perde. Si soffre tutti, si ama tutti, si è tutti abbastanza soli.
“Che ci faccio io qui?” è la domanda che tutti, prima o poi, si chiedono – arrivati ad un punto della
propria vita dove riconoscersi diventa un’impresa insostenibile, dove anche le cose più banali della
quotidianità diventano estranee e smuovono l’animo assopito e nascosto di ognuno di noi.
Alla regia, la giovane Elvira Scorza, qui anche sceneggiatrice e attrice, diplomata alla Scuola per Attori del Teatro Stabile di Torino sotto la direzione di Valter Malosti, e con lei, sul palco, l’attore Jozef Gjura, ex allievo dell’Officina Teatrale Anacoleti e diplomato a sua volta alla Scuola per Attori del Teatro Stabile di Torino, che torna nella sua “prima casa” con uno spettacolo che ha già ricevuto parecchi riconoscimenti ed è stato premiato al Festival Inventaria 2019 come Vincitore della sezione Corti Teatrali per “la drammaturgia fresca e promettente, la regia organica al testo, per l’umorismo tanto denso quanto
diretto”.

Leggi anche:  MAC: ultimi appuntamenti pre natalizi

“Qui” è uno spettacolo che affronta con delicatezza e freschezza il mistero di questa vita che ci accomuna indistintamente, in ogni luogo e tempo, e che nella sua sfuggevolezza ci fa sentire in qualche modo meno soli.

VAI ALLA HOME PAGE E LEGGI LE ALTRE NOTIZIE