Allerta meteo: aggiornamento regionale. La piena del Po transiterà ancora sopra livelli di guardia.

Allerta meteo: aggiornamento regionale

L’allerta non è ancora del tutto rientrato, ma si tratta ormai quasi di una formalità, salvo poche zone della regione. Il Vercellese, nel complesso, dovrebbe aver ormai passato il picco delle preoccupazioni anche se la piena del Po è ancora sopra i livelli di guardia. Ma ecco il dettaglio della situazione nella mattinata di mercoledì 7 novembre.

Il minimo depressionario associato alla vasta perturbazione di origine atlantica che ha determinato le intense precipitazioni dei giorni scorsi si sta gradualmente allontanando verso il basso Tirreno, con schiarite sul Piemonte occidentale e residui piovaschi sul verbano. Le precipitazioni nelle ultime 12 ore sono forti, localmente molto forti, su vercellese e biellese con 70-90 mm, moderate sulle zone pedemontane del torinese con 20-30 mm. I picchi sono stati registrati a Sambughetto (VB) con 132 mm in 12 ore, Mottarone (VB) con 114 mm, Camparient (BI) e Omegna (VB) con 106 mm. Nel torinese Coazze (TO) ha registrato 111 mm, Borgone (TO) 105 mm. La quota neve si e’ assestata sui 1600 – 1700 m a nord. Nelle ultime 6 ore le precipitazioni hanno interessato prevalentemente il verbano, altrove sono state deboli sparse.

I livelli idrometrici del Toce e del reticolo idrografico secondario nel verbano sono in generale calo. Anche il Sesia a Palestro (PV) sta diminuendo, con livelli al momento ancora sopra la soglia di guardia. La piena del Po è in transito nel vercellese con valori oltre le soglie di guardia mentre nel torinese i livelli sono in generale calo.

Il livello del lago Maggiore è in crescita sopra il livello di guardia con un incremento di circa 2 cm/ora mentre quello del lago d’Orta sta crescendo al ritmo di 1 cm/ora.

Le Previsioni

Le precipitazioni, in fase di marcata attenuazione già da alcune ore su tutti i settori e sono attese in esaurimento fino al tardo pomeriggio. Tuttavia, una profonda saccatura in moto dall’Atlantico verso la penisola iberica convoglierà flussi umidi sul Piemonte, dando origine a nuove precipitazioni deboli sparse che persisteranno da stasera fino a domani. La quota neve è prevista sui 1800 – 2000 m.

Nelle prossime ore è atteso il transito della piena del Po fino alla confluenza col Sesia ed il Tanaro con livelli al di sopra delle soglie di guardia. Il livello del lago Maggiore aumenterà per tutta la giornata odierna di altri 20/30 cm, mentre  il livello del lago d’Orta sarà stazionario dal pomeriggio rimanendo al di sopra della soglia di guardia.

Le situazioni più critiche

Questo quanto comunicato dalla Sala della Protezione Civile regionale.

Rilevato qualche dissesto: una piccola frana a Mosso nel Biellese e allagamenti localizzati nel Novarese. In Val di Susa, provincia di Torino, frazione Gandoglio di Borgone, volontari e mezzi della Croce rossa sono attivati per raggiungere e soccorrere 12 famiglie parzialmente isolate, che possono raggiungere il centro solo a piedi, ma non con le auto. Stessa situazione per 3 famiglie a Costa di Borgone.

VAI ALLA HOME PAGE E LEGGI LE ALTRE NOTIZIE