Ombre e luci su Vercelli “Città Europea dello Sport 2019”.

Ombre e luci su un presunto trionfo

Il comunicato ufficiale del Comune di Vercelli, riportato più sotto, lascia intendere che la nostra bella città sia la sola e unica “Città europea dello sport”, più o meno come la Città Europea della Cultura… ma paradossalmente una delle immagini inviate fa vedere il nostro sindaco insieme a quelli di Oristano, Mantova e Livorno tutti con lo stesso titolo. Poi il sito di un noto quotidiano dice che anche il comune di Omegna è “Città Europea dello Sport 2019”, ma dal sito degli organizzatori la delegazione italiana di “Aces Europe”, si specifica che Omegna è “town” non “city”, una categoria diversa dello stesso premio. Ma il problema non è che dobbiamo condividere con altri il titolo, il problema è che nella comunicazione ufficiale si capisce diversamente, cosa costava specificare che è “tra le città” e non far intendere che sia “la” città? Una carenza informativa che si poteva evitare. Col che il traguardo rimane sempre una bella cosa e queste sono comunque le luci della notizia che non vogliamo trascurare.

Abbiamo pagato per il sopralluogo

C’è una delibera della Giunta Comunale datata 13 ottobre in cui si riconosce un rimborso spese di 2000 euro per la visita della commissione giudicatrice ai nostri impianti sportivi. Per carità se uno vuole partecipare a una competizione magari deve pagare la quota di adesione, ma una cosa è certa, domani si scatenerà l’ennesimo pandemonio politico in città…

Il comunicato ufficiale

Giornata memorabile quella di oggi per la Città. A Roma, al Foro Italico, nel salone d’onore del CONI, alla presenza del presidente Giovanni Malagò e del vicepresidente ANCI Matteo Ricci è stato assegnato a Vercelli il titolo di Città Europea dello Sport 2019.

Leggi anche:  Amatori Hockey, sfida alla capolista

Si tratta di un riconoscimento che, tutt’altro che “statico”, prevede un impegno continuativo in favore dello Sport in tutte le sue espressioni- impianti, eventi, iniziative – con particolare attenzione ai bambini, ai giovani, alla disabilità. Vercelli è stata insignita del titolo grazie a molteplici componenti che vanno dal numero degli impianti ai titoli olimpici che i talenti Vercellesi hanno meritatamente conseguito e, ancora, al numero delle associazioni sportive che la Città annovera.

Il commento dell’assessore Coppo

“Eravamo consapevoli del patrimonio sportivo della Città. Ma anche noi ci siamo meravigliati quando, nella preparazione del dossier necessario alla candidatura abbiamo “toccato con mano” la quantità e, soprattutto, la qualità del mondo sportivo Vercellese, anche in relazione al numero degli abitanti. Ritengo che questi due elementi siano quelli che hanno favorito l’attribuzione di Città Europea dello Sport 2019. Consideriamo la giornata odierna come un punto di partenza e lavoreremo per meritarci questo titolo giorno per giorno.”

Il commento del sindaco Maura Forte

“Contavamo su questo titolo che ci premia sotto il profilo dell’immagine, ma anche per quanto concerne un’ulteriore componente da evidenziare in sede di partecipazione a bandi europei. Se siamo stati “premiati” possiamo dire grazie innanzi tutto ai numerosi atleti che nel corso dei decenni hanno profuso sforzi e impegno per raggiungere risultati d’eccellenza – e il medagliere olimpico Vercellese lo conferma – senza dimenticare tutti coloro che quotidianamente lavorano per mantenere in vita le passioni sportive e avviare i giovanissimi e i ragazzi alle diverse discipline. Le associazioni sono una vera e propria fucina in proposito.”