Borgo Vercelli nel 2017, il bilancio del sindaco Mario Demagistri.

Borgo Vercelli la lettera del sindaco

Una specie di lettera a cuore aperto ai suoi concittadini, per mettere in chiaro situazioni controverse e per comunicare quelli che saranno gli obiettivi del futuro prossimo. Così Mario Demagistri, sindaco di Borgo Vercelli, ha voluto tracciare il bilancio del 2017 amministrativo.

«Siamo ormai in prossimità delle feste natalizie ed è con molto piacere che voglio augurare a tutti Voi e ai vostri famigliari i più calorosi auguri di Buon Natale ed un Felice e prospero 2018, da parte mia e a nome di tutta l’amministrazione – inizia Demagistri -E proprio perché ci stiamo preparando a salutare il 2017, come tutti gli anni ci si guarda indietro e si fanno un po’ i bilanci dell’attività svolta. E’ stato un anno particolarmente faticoso per l’amministrazione e per il sottoscritto in particolare. Se finanziariamente la situazione era già stata in parte regolarizzata dal commissario prefettizio che ha deliberato i dovuti accertamenti tributari per gli anni 2012-2013-2014 consentendo così di evitare il dissesto finanziario (gli anni 2010 e 2011 sono andati in prescrizione, in quanto al mio primo mandato del 2014 erano fermi al 2009), comunque mi sono trovato diverse pratiche lasciate in sospeso dalla gestione passata e che aspettano di essere regolarizzate».

Lavori in corso

Prosegue il primo cittadino: « un esempio? Rotatoria il Globo (cessione dei terreni ancora in capo ai proprietari), fognature e depurazione dell’area industriale, le fognature comunali (sono partiti in questi giorni i lavori al collettore di Strada Rotta), il ricorso al TAR per l’area antistante la Posta (è stata realizzata una strada pubblica su area privata e non è stato fatto l’esproprio di legge), il Ricorso in Consiglio di Stato per l’annullamento delle delibere di IMU e TASI, la spada di Damocle dei 150.000 euro da restituire alla Regione. Senza contare i progetti già approvati che dovranno invece essere annullati e riprogettati per macroscopici errori o vizi di forma. Su tutti l’ampliamento del cimitero, un project financing approvato a fine febbraio 2014, un progetto suddiviso in 6 lotti per la costruzione di nuovi loculi e cappelle; peccato però che sotto quelle del primo lotto passi una tubazione di Enel Gas, il cui spostamento ovviamente non è stato richiesto, così come non era stato ancora acquistato il terreno previsto dal progetto. Stessa cosa dicasi per il PEC Boranchio sul quale ci sono pendenti ben due ricorsi al TAR; nel secondo progetto sono state adottate soluzioni che potrebbero anche presentare soluzioni di illegittimità».

Leggi anche:  Cinque Stelle Vercelli: “Si torni alle urne”

Le attività svolte

«Malgrado queste difficoltà, la mia amministrazione è riuscita a mettere a segno alcuni importanti interventi – afferma ancora Demagistri – Su tutti, le asfaltature, un progetto da 81.000 euro con un contributo di 60mila dalla Regione Piemonte; la pulizia del paese, affidata ad Atena, liberando così parecchio tempo ai nostri operai che si possono dedicare alla piccola manutenzione del patrimonio comunale; la spazzatrice sarà venduta il prossimo anno e il ricavato sarà interamente impegnato per un nuovo impianto di videosorveglianza; la manutenzione del verde pubblico, comprese le potature degli alberi, anche qui affidata ad una ditta esterna, con un risultato che è sotto gli occhi di tutti. Ci sarebbe da citare anche piccoli lavori che non sono visibili a voi cittadini, ma che sono determinanti per dare più efficienza alla gestione degli uffici. Mi riferisco soprattutto all’informatizzazione dell’ufficio tecnico, determinate nella gestione del territorio e delle risorse che ne possono derivare».

Chiusura invece “soft” per Demagistri: «Come si fa quando siamo seduti intorno ad un tavolo con la famiglia per il pranzo di Natale, vorrei poter raccontarvi tutte le vicende che vivo quotidianamente insieme ai mie collaboratori comunali, lo farò nel prossimo futuro, con altre modalità; per ora, a tutti un rinnovato augurio di Buone Feste».